Inter-Atalanta, la lavagna tattica

Inter-Atalanta, la lavagna tattica


Lavagna tatticaL’Inter cade in casa dopo un match pirotecnico e incandescente contro una buona Atalanta. Gli uomini di Stramaccioni, che in settimana avevano strappato con le unghie e con i denti un successo pesantissimo al “Ferraris” di Genova, cedono sotto i colpi di sistematici fattori che assumono sempre più i contorni della maledizione.

Che l’Inter sia da sempre accompagnata da un velo di sana e lucida follia è un dato inequivocabile, che episodi non riconducibili alla sfera della volontarietà ne segnino i destini sportivi e calcistici lo è altrettanto. Nella partita contro gli orobici c’è il riassunto di un’intera stagione in cui i nerazzurri, spesso già vittime delle proprie contraddizioni, avrebbero meritato meno avversione da parte della dea bendata.

L’ANALISI TATTICA:

COSA HA FUNZIONATO – Cercare qualcosa che abbia funzionato al termine di una partita così tristemente rocambolesca è come aspettare l’arcobaleno dopo un incessante temporale. Eppure l’Inter, anche se tra limiti e defezioni, ha provato a vincere la partita con coraggio, magari con modestia, ma con uno spirito di sacrificio da suscitare quasi tenerezza. Il povero Stramaccioni (al quale si consiglia vivamente un pellegrinaggio a Lourdes), già privo del Principe Milito e del suo cannoniere più prolifico (Palacio), perde lungo il tragitto anche Cassano schierato in coppia con il redivivo Rocchi. Non potendo chiedere in prestito Livaja alla panchina avversaria, l’ex tecnico della Primavera non può far altro che mandare in campo Ricky Alvarez. Proprio l’inaspettato tandem italo-argentino porta in dote sete di rivincita e ben 3 reti all’attivo che, purtroppo, per la Beneamata non si tradurranno in altrettanti punti. L’ex Velez, al di là della prima doppietta italiana, ha regalato le giocate migliori soprattutto quando si è decentrato, cercando insistentemente l’uno contro uno e lo spunto in velocità, sia sul breve che sul lungo. Il 3-5-2, scelto inizialmente dal tecnico romano per favorire contemporaneamente l’inserimento delle due mezze ali (Cambiasso e Guarin), ha visto nel solito indescrivibile Zanetti il migliore interprete, sia per applicazione tattica che per romantica partecipazione.

COSA NON HA FUNZIONATO – Partendo dall’assunto che per il raggiungimento di un successo occorre che concorrano, in pari misura, bravura, fortuna ed episodi favorevoli, non si crede di far torto a qualcuno se si afferma che l’Inter di quest’anno, al netto dei propri demeriti, abbia un conto aperto con quell’aspetto imponderabile che, spesso, nello sport fa girare il corso degli eventi in maniera diversa. La regolarità con la quale si sbaglia a danno dell’Inter, piaccia o non piaccia, non costituisce una farneticazione stucchevole, faziosa e curvaiola, ma un dato oggettivo in un mondo in cui i risultati di uomini, professionisti e società sono legati in maniera indissolubile alla fredda oggettività dei numeri. Quegli stessi numeri che, ad esempio, inchiodano l’Inter alle proprie responsabilità, o meglio alle proprie irresponsabilità. Il direttore di gara, infatti, avrà involontariamente messo carburante nel motore della rimonta atalantina, ma andare sul doppio vantaggio, tra le mura amiche, contro una discreta provinciale (non certo il Real Madrid) e non essere capaci di gestire il risultato, consentendo per di più all’avversario di rovesciarlo, costituisce quasi un peccato capitale. Nello specifico, il pacchetto arretrato, in assoluto controllo per un’ora di gioco, ha iniziato inspiegabilmente a vacillare subendo reti a ripetizione e in fotocopia. La linea difensiva, forse anche per l’assenza di  Cassano, unico nel tenere palla e nel far rifiatare la squadra, ha iniziato immotivatamente ad abbassare il proprio baricentro, palesando sbandamenti ed errori di concetto. L’ingresso di un terzo riferimento offensivo nella squadra bergamasca (Livaja) ha creato un uomo contro uomo che, muovendo ed allargando costantemente le maglie della difesa a 3, ha disorientato l’Inter. L’Atalanta ha conquistato campo e fiducia, individuando punti deboli e fragilità dei nerazzurri che, dal canto loro, non sono riusciti a riorganizzarsi. Male Alvaro Pereira che, infilato di continuo da Raimondi, ha costretto Juan Jesus a uscire fuori zona e a sguarnire l’area di rigore nella quale Samuel e Ranocchia non hanno saputo gestire marcature e situazioni. Una linea a 4 bloccata, con Zanetti, Ranocchia, Samuel e Juan, e un centrocampista di rottura in più a fare densità negli ultimi 30 metri, in luogo di Pereira, magari avrebbero congelato il risultato ed evitato l’ennesimo, insostenibile processo.

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl