Strama: “Partita equilibrata, decisivo il gol di Quagliarella. Kovacic sta crescendo, il Cuchu…”

Stramaccioni Inter-Bologna
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Stramaccioni Inter-BolognaTanta amarezza. Nel big match della 30^giornata di Serie A una buona Inter esce sconfitta per 2 a 1dalla sfida contro la capolista Juventus e vede allontanarsi ulteriormente il terzo posto.

A fine gara Andrea Stramaccioni, ai microfoni di Sky, commenta così la gara: Quagliarella ha trovato un gran gol, uno dei suoi, e ha messo la partita su un binario ottimale. Il primo tempo, però, è stato equilibrato. Loro hanno avuto un’occasione con Vidal, ma noi abbiamo costretto Buffon a due grandi parate su Cassano e Palacio. Ci ha condizionato il fatto di prendere gol dopo tre minuti. In ogni caso, abbiamo dato continuità alla prestazione offerta con il Tottenham ed è innegabile che la nostra mole di gioco stia crescendo. Nella ripresa la Juve ha modificato l’atteggiamento, rinunciando anche a un attaccante. Resta l’amaro in bocca perché siamo andati molte volte vicini al gol del pari, ma questo è il calcio. Abbiamo una partita in meno, dobbiamo vincere a Genova e restare attaccati alla Lazio. Inoltre c’è anche una semifinale di coppa Italia. Il più grande segnale dato oggi è stata la continuità”.

L’allenatore nerazzurro si sofferma poi sui singoli: “Perché non ha giocato Guarin dall’inizio? Avevamo preparato la partita per giocarcela e non per vedere la Juventus giocare. Purtroppo c’è stato un imprevisto con Fredy, ma anche Alvarez ha dato il suo contributo. La partita che dovevamo fare era questa e anche nel primo tempo abbiamo fatto bene, poi Quagliarella ha pescato il jolly. Kovacic? Mateo sta crescendo di partita in partita. Adesso continuiamo così e dobbiamo solo far punti. Zanetti? La carta d’identità non conta. Volevo spendere una parola anche per Cambiasso, che ha fatto un brutto fallo, ma già è andato a scusarsi. Falli di gioco che ci possono stare in una partita così sentita, ma a fine gara il fairplay deve prevalere”.

Ultimo pensiero dedicato all’obiettivo Champions: “Dobbiamo mantenere i nostri obiettivi e il lato positivo resta la prestazione, specie in relazione all’avversario”.