Fassone: “Gli introiti della Champions sono vitali per l’Inter. Il problema dell’Europa League…”

marco fassone
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

marco fassoneOspite della trasmissione “Novanta Minuti” in onda su Rai Sport 1 e condotta da Enrico Varriale, il dg dell’Inter Marco Fassone ha analizzato il tema dei proventi economici derivati dalla partecipazione alla Champions League: “L’Inter in funzione dei risultati che ha ottenuto come numero di partecipazioni alla Champions League dal 2003 al 2012, tra le squadre italiane, è quella che ha avuto gli introiti maggiori. Questi introiti sono funzionali a diversi parametri che la Uefa assegna in base al bacino di utenza della nazione, non dimentichiamo che l’Italia è uno dei grandi contributori dal punto di vista televisivo, e poi anche in base ai risultati raggiunti all’interno della competizione stessa. Più vai avanti nel torneo, più aumentano i ricavi, e l’Inter è quella che nel periodo considerato ha avuto queste due condizioni replicate più volte.

“Direi che il dato saliente che emerge con forza è che, per un club delle nostre dimensioni, la partecipazione alla Champions League è diventata ormai vitale e determinante ed è veramente complicato restarne esclusi. C’è grande differenza rispetto agli introiti derivanti dalla partecipazione all’Europa League e questo è uno dei grandi temi sul tavolo, non solo dell’Uefa, ma anche dall’associazione europea dei club. Oggi il rapporto dei ricavi che c’è tra la Champions League e l’Europa League è più o meno uno a cinque. Per darvi un’idea della differenza, noi quest’anno partecipando all’Europa League ed essendo eliminati negli ottavi di finale, partendo dal preliminare del 2 di agosto e giocando ben quattordici partite, abbiamo avuto un ricavo complessivo che è introno ai 7 milioni di euro. In una partecipazione con un risultato simile nella Champions League ne avremmo presi circa 35. Questo dipende dal fatto che l’Europa League è una competizione nata da poco, che sta crescendo in termini di notorietà. Non ha ancora uno sponsor e partner dell’importanza di Unicredit. I diritti televisivi, infine, sono un po’ più bassi anche se in crescita. Certamente l’Uefa sta cercando di adottare dei correttivi per porre rimedio almeno in parte a questo grave gap”.

“Osservando i dati dei ricavi per campionato si vede come l’Italia in quel ranking è seconda in classifica dietro solo alla Premier League e davanti alla Liga e alla Bundesliga e questo evidenzia proprio come la partecipazione dei nostri club alla Champions League sia sempre giocata con grandissimo fervore, attenzione e impegno. Se invece si osserva il ranking complessivo, il nostro calcio scivola al quarto posto perdendo di conseguenza il diritto a partecipare con quattro squadre alla Champions, cosa che avevamo sino a qualche anno fa. E questo proprio perchè siamo stati carenti nei risultati ottenuti nell’Europa League che viene giocata, per ragioni squisitamente economiche, con un maggior turnover e con un impegno in qualche misura inferiore”.

Sul rischio di creare una spirale negativa visto che, premiando sempre gli stessi club che con relativa facilità raggiungono i primi posti nei campionati nazionali, c’è il pericolo concreto di dare un vantaggio crescente a tali squadre, che potranno investire somme più alte sul mercato diventando sempre più forti e competitive rispetto alle avversarie dei campionati nazionali, Fassone si esprime così: “Temo che l’indirizzo sia un po’ quello. Una delle soluzioni che si sta studiando è di valutare se far partecipare di diritto alla Champions League la vincente e la finalista dell’Europa League, in modo che questo risulti un incentivo per le squadre che partecipano a questa competizione ad essere attratte a partecipare fino in fondo in un torneo molto lungo e impegnativo con un obiettivo chiaro e molto prestigioso”.

 

Fonte: inter.it