Il rientro del “Muro” per far paura alla Vecchia Signora

Samuel allenamento Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Samuel allenamento InterSembra essere arrivato ai titoli di coda il lungo calvario che ha costretto Walter Samuel a non calcare i campi della Serie A per diverse partite: l’argentino si è dovuto fermare ai box dapprima per una lesione muscolare, poi per un fastidioso risentimento al tendine d’Achille. Stramaccioni ha dovuto fare a meno del roccioso difensore, elemento decisivo nell’indimenticabile trasferta dello Juventus Stadium; il destino ha voluto che Samuel potesse riassaporare il piacere di guidare la difesa nerazzurra proprio nella sentita sfida di ritorno contro i bianconeri.

Nel frattempo è già passato un intero girone dal 3-1 di Torino, durante il quale l’Inter, senza il suo leader difensivo, si è tramutata nella sua spaventosa controfigura, come succede nel celebre romanzo di Stevenson “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”. Non può addebitarsi al caso l’inversione di tendenza che si ricava dalle statistiche, per la precisione alla voce “gol subiti”: senza il muro argentino, la difesa interista ha dannatamente sofferto le iniziative avversarie e in alcuni casi il passivo non è stato umiliante solo grazie a un Handanovic versione XXL.

Non si può nemmeno parlare di coincidenze quando si analizza, da un punto di vista tattico, il dato delle vittorie fuori casa: dallo spartiacque della stagione, rappresentato dal match contro la Juventus, l’Inter ha perduto la sua imbattibilità in trasferta (segno distintivo nella prima parte della stagione di Zanetti e compagni) e inanellato una serie di risultati deludenti anche per la mancanza di un difensore d’esperienza, il quale abbia nelle sue corde la forza di reggere la difesa contro i ripetuti attacchi delle squadre avversarie e di dare sicurezza a un reparto ancora giovane e ingenuo.

In questi quattro mesi, il centrale di Firmat ha pensato anche alla possibilità di appendere le scarpette al chiodo a fine stagione, a causa dei ripetuti guai muscolari che lo perseguitano da un anno a questa parte. La sua voglia di calciare un pallone, però, è ancora tanta e a giugno potrebbe prospettarsi davanti a lui un vero e proprio bivio che lo costringerà a scegliere tra una rinnovata permanenza all’Inter e un ritorno in patria.

Intanto, il suo rientro in campo con la maglia nerazzurra cucita sulla pelle è una tappa fondamentale per riacquistare la concreta speranza di raggiungere l’agognato terzo posto. Dall’infermeria e dallo staff medico non arrivano solo cattive notizie: The Wall è tornato…