Mihajlovic: “Sogno di allenare l’Inter, ma non gufo Strama. Spero trovi una soluzione perchè…”

Sinisa Mihajlovic
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sinisa MihajlovicEra stato accostato alla panchina dell’Inter già nell’estate del 2011, ma poi si preferì affidare la squadra a Gian Piero Gasperini. Ora che anche la posizione di Andrea Stramaccioni non è più così tanto solida, La Gazzetta dello Sport torna a fare il nome di Sinisa Mihajlovic come possibile sostituto del tecnico romano.

Intervistato ai microfoni della rosea, l’attuale tecnico della Serbia ha commentato così l’ipotesi di un suo ritorno in nerazzurro: “Se mi chiedete se spero un giorno di allenare l’Inter dico sì, ma non sono uno che si autocandida, detesto chi sta appollaiato a gufare. Mi fa piacere che il mio nome venga accostato a quello della panchina nerazzurra, ma voglio troppo bene all’Inter per augurarmi che vada male per poter finire tra i candidati, per cui, da tifoso e da ex, spero che Stramaccioni e la squadra possano centrare un posto in Champions e magari trovare una incredibile rimonta col Tottenham. Io una panchina già ce l’ho, sono orgoglioso di essere c.t. della Serbia.

Come vedi le altre italiane in Europa? Il Milan avrebbe potuto fare di più? E la Juve può arrivare ad alzare la coppa?: Quando il Barcellona gioca così, a quei ritmi non ce n’è per nessuno. Una delle squadre più forti di sempre, se trova la giornata giusta non ci sono rimedi, devi essere perfetto in difesa e non puoi sbagliare l’occasione, se ti capita. Per quanto riguarda i bianconeri, adesso sono superiori al Milan, ma per essere all’altezza delle grandi d’Europa serve qualche altro top player come Ibra, anche se è dura che possa tornare a Torino”.

Ibra, Cassano, Balotelli… tutti giocatori difficili da gestire?Zlatan ha un carattere forte, devi sapergli tener testa; come vice Mancini, i più tosti toccava a me curarli. Cassano è un bravo ragazzo a cui, ogni tanto, “parte la brocca”, non cambierà mai del tutto. Stesso discorso per Mario: ha ragione Mancini a dire che anche a 30-35 anni farà ancora parlare di sé per qualcosa”.

Secondo te, quale potrebbe essere la graduatoria finale in serie A? La Juve prima, secondo potrebbe arrivare il Milan, perché il Napoli è in calo. Terza incomoda la Fiorentina, mentre le mie squadre del cuore, Lazio e Inter, sono in difficoltà, anche se i biancocelesti hanno poco da rimproverarsi. I nerazzurri erano partiti male, si sono ripresi poi deve essersi rotto qualcosa. Auguro a Stramaccioni di trovare le soluzioni giuste. Se lo merita lui, e soprattutto, Moratti”.