Chivu: “Paghiamo i tanti cambiamenti, non è facile ripartire da zero. Ciò che ci preoccupa è…”

Christian Chivu
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Christian ChivuE’ inevitabile che, nei momenti più difficili, l’Inter si aggrappi ai suoi giocatori più esperti, a quelli che in passato hanno contribuito a scrivere pagine importanti della storia nerazzurra. Per questo, dopo Javier Zanetti, intervistato oggi da Sportmediaset, è Cristian Chivu ad analizzare la crisi che sta attraversando la squadra: “E’ giusto che Moratti sia arrabbiato – spiega il difensore rumeno ai microfoni di Sky Sport 24 – e lo siamo anche noi. Com’è giusto che lo siano i nostri tifosi. Quello che preoccupa adesso è il gioco, che non c’è, e quindi è su questo che si lavora, sia mentalmente che fisicamente.

“Paghiamo tutti i problemi che abbiamo, il fatto di avere una partita ogni tre giorni e l’aver cambiato tanto ad agosto. Sono tanti i motivi, dovremmo discuterne per qualche ora se dovessimo analizzare tutto a fondo. Ora bisogna migliorare nel senso di fare meglio quello che abbiamo fatto fino ad adesso”.

All’ipotesi che siano i cosiddetti ‘senatori’ ad aiutare la squadra in questa ripresa, Chivu replica: “Non trovo giusto si parli di qualcuno di noi come un senatore, non siamo mica in Parlamento, siamo una squadra. Non si tratta di senatori, si tratta dell’Inter e di quello che rappresenta questa squadra e questa Società. Inter prigioniera del passato? No, quest’Inter è prigioniera di tutti i cambiamenti che sono stati fatti. Non è facile ripartire da zero, neanche per coloro che sono qui da tanti anni. Dal primo all’ultimo, dobbiamo dare di più e farlo con più coraggio.

A proposito di Andrea Stramaccioni, Chivu afferma: “La sua principale preoccupazione credo sia il lavoro. Capiranno tutti che lui ha fatto il meglio possibile, ma poi si sa che le responsabilità ricadono innazitutto sull’allenatore, poi sui giocatori e così in avanti. La strada è sempre e solo quella del lavoro, solo così possiamo uscirne. Ripeto, questa squadra sta pagando un po’ tutto, i cambiamenti, gli infortuni, i giocatori che hanno giocato tante partite. C’è un po’ di confusione, ma credo che la cosa principale che manchi attualmente sia il coraggio e nel calcio la fiducia in quello che si fa è la cosa più importante. Quando si vince superi un po’ meglio le giornate faticose perchè hai vinto ed è come se avessi le ali. Quando si perde è più difficile”.

Il terzo posto è ancora possibile, anche se il difensore di Resita ha la sua lettura: “Quello che vedo, quello che sento è che diventa una tragedia ogni volta che l’Inter perde una partita, ma che questo non accade quando anche altre squadre davanti a noi fanno lo stesso. Credo ci voglia coerenza in tutto. Perchè è così? Perchè alcune squadre sono protette e altre no.

Sul compagno di reparto, Juan Jesus e gli errori commessi in partita: “Non si deve dare la colpa a un singolo giocatore se una squadra non va bene. Evidentemente non riceve appoggio dal resto del gruppo, che a volte non è organizzato bene sul campo e quelli che pagano per primi sono sempre il portiere e i difensori. Juan ha sbagliato, è vero, ma poi ha sempre avuto la testa abbastanza forte per riprendersi durante la partita. Capita a tutti, lui è giovane e ha ancora tanta strada davanti a sè.

Si affronta la partita con il Tottenham con un piede e mezzo già fuori? “Uno e mezzo no, uno si. E’ una partita da giocare e noi ce la giocheremo senza avere nulla da perdere. Siamo consapevoli che sarà dura, ma ce la metteremo tutta facendo crescere l’autostima e il coraggio che ci sono mancati. Quello che faremo è remare tutti nella stessa direzione e questo vale per tutti, giocatori, staff, dirigenti e tifosi”.

 

Fonte: inter.it