Moratti: “Delusi e arrabbiati, ieri c’è stato un collasso. Branca e Strama? Scelgo io. Su Kovacic…”

Moratti
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

MorattiIntercettato all’uscita dagli uffici Saras, nel centro di Milano, Massimo Moratti ha commentato la deludente sconfitta rimediata ieri dalla sua Inter a San Siro contro il Bologna. Ecco le parole del presidente nerazzurro:

Dopo la sconfitta contro il Tottenham si era detto arrabbiato. Oggi?

“Ieri è stato una specie di collasso, nel primo tempo specialmente. E quindi è una grossa delusione, c’è arrabbiatura, poi dopo però bisogna anche essere freddi nel valutare la cosa e cercare poi di ricostruire il morale fisico”.

E’ capitato spesso che l’Inter sbagliasse ultimamente il primo tempo, che venisse poi colpita prima di svegliarsi, perché succede?

“Non lo so. Però così è successo. Credo che non sia fatto apposta, naturalmente. Forse c’è una valutazione… Forse i giocatori entrano in campo con un po’ di timore. Credo questo, perché altrimenti non c’è giustificazione”.

E’ una questione di preparazione della partita o più psicologica?

“Forse tutte e due. Poi dopo vengono riaggiustate, anche ieri, però buttar via un tempo… diciamo che essendocene due a disposizione è abbastanza grave”.

Marco Branca prima della partita ieri ha detto che è sicuro che l’anno prossimo sarà ancora l’Inter sua e di Stramaccioni, è così?

“L’ho sentito, poi ha detto che sarà il presidente a decidere, quindi… Sono della stessa idea”.

Sabato ha parlato, ha chiesto, una Società più interista. A cosa si riferiva in particolare?

“Proprio come valori, intendo che le caratteristiche della Società alcune volte sono difficili da capire a chi non è interista, intendevo solo questo, niente di più”.

Se l’Inter non dovesse arrivare al terzo posto che cosa potrebbe cambiare?

“Cominciamo a non arrivare al terzo posto e poi vediamo”.

La fiducia nei confronti di Stramaccioni è intatta?

“Sì”.

Le piace come sta andando Kovacic? E’ un ragazzo su cui si dice si possa puntare per il futuro…

“Considerando l’età, considerando il tipo di progetto che c’era su di lui, vedendo anche quello che ha fatto ieri, il giocatore ha la mente chiara, è un giocatore di una certa lucidità nel gioco, di una certa profondità. Le doti ce le ha, poi dopo bisogna mettere insieme anche il resto”.

Lei prima, commentando le parole di Branca, ha detto ‘Sono della stessa idea’ nel senso che dopo dovrà decidere lei. La decisione quindi non è già presa per il futuro?

“Ogni giorno si ragiona per vedere cosa succede. Per conto mio se tutto rimane così ma con risultati diversi mi va bene”.

 

Fonte: inter.it