Strama (ri)trova il suo playmaker: Stankovic titolare contro il Bologna?

Stankovic allenamento Appiano
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Stankovic allenamento AppianoPiù di nove mesi per rivederlo in campo, dallo scorso maggio fino allo scorso 10 febbraio. Un’assenza causata da un fastidiosissimo infortunio al tendine d’Achille che lo ha costretto a ben due operazioni, la seconda delle quali nel mese di settembre, a mercato già chiuso. Un imprevisto che ha notevolmente condizionato i piani di Stramaccioni e società.

Il soggetto in questione è Dejan Stankovic, uno degli ultimi veterani rimasti nella rosa dell’Inter, giocatore su cui il mister romano avrebbe voluto puntare sin da subito. L’obietivo, infatti, visto il mancato arrivo di un centrocampista di qualità che potesse dettare i tempi della manovra, era quello di consegnare le chiavi della mediana proprio al serbo.

La sfortuna, però, ha fatto saltare i programmi del mister costringendo il numero 5 interista ad un lunghissimo periodo di inattività. Il centrocampo nerazzurro, nel frattempo, ha sofferto non poco l’assenza di un elemento con le sue caratteristiche e Strama, nella prima stagione del nuovo corso, si è ritrovato costantemente in emergenza in mezzo al campo.

Adesso l’incubo per il 34enne di Belgrado sembra finalmente alle spalle, come dimostra il ritorno in campo negli ultimi venti minuti contro il Chievo e con il secondo tempo disputato nella fantastica rimonta di Catania. E stasera, a San Siro contro il Bologna di Pioli, potrebbe arrivare addirittura la maglia da titolare a conferma di una condizione fisica in costante miglioramento.

Il reintegro al cento per cento di Dejan, scongiurando possibili ricadute fisiche, potrebbe rappresentare il valore aggiunto per l’Inter che, nonostante le enormi difficoltà incontrate in questa stagione, si ritrova in piena lotta per il terzo posto, vero obiettivo prefissato a inizio campionato.

Non sarà sicuramente lo Stankovic delle grandi battaglie che tutti gli interisti ricorderanno per sempre, ma, in un reparto che è apparso troppo spesso in difficoltà, la sua esperienza porterà sicuramente dei benefici e, soprattutto, il giusto equilibrio a un gioco che stenta a decollare.