Il presidente del Montpellier spinge Belhanda verso l'Inter, ma Branca nega. Tutto rinviato a giugno?

Il presidente del Montpellier spinge Belhanda verso l’Inter, ma Branca nega. Tutto rinviato a giugno?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Belhanda“Posso confermare che l’Inter ha fatto ieri un’offerta di 14 milioni di euro per Belhanda e io l’ho accettata. Questa dichiarazione a sorpresa di Louis Nicollin, istrionico presidente del Montpellier, ha mandato in tilt per qualche istante il web, lasciando credere che il mercato nerazzurro stesse per subire una svolta inaspettata.

Ma, neanche il tempo di fare le dovute verifiche che, attraverso il sito ufficiale dell’Inter, Marco Branca ha smentito in maniera categorica l’affare: “Ci dispiace contraddire il presidente del Montpellier, ma l’Inter non ha mai presentato un’offerta per il suo giocatore Younes Belhanda.

In realtà Nicollin sta trattando la cessione del trequartista franco-marocchino con il Fenerbahce, arrivato ad offire 8 milioni di euro per il cartellino del giocatore. Non abbastanza per il presidente del Montpellier, che avrebbe sfruttato l’interesse (reale) dell’Inter per spingere il club turco ad alzare la propria offerta.

Behlanda, però, non è ancora convinto al 100% e vorrebbe aspettare giugno per valutare anche altre proposte. Se non dovesse succedere niente fino alla prossima estate, la società nerazzurra, che segue e apprezza da tempo il giocatore, potrebbe farsi viva sul serio. Per portarlo a Milano dovrebbero bastare 12 milioni: una cifra non esagerata per un classe ’90 dal talento cristallino. Per ora, però, sembra non esserci niente di concreto. L’Inter sta solo monitorando la situazione…

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy