Gargano in affanno: il Mota paga più di tutti l'assenza di un regista

Gargano in affanno: il Mota paga più di tutti l’assenza di un regista


Gargano Inter allenamentoLa buona prova offerta dall’Inter all’Olimpico, ha permesso ai nerazzurri di conquistare un punto importante e conservare il quarto posto in classifica, a ridosso della zona Champions. Merito soprattutto dello straordinario periodo di forma di Guarin, della solidità difensiva garantita da Handanovic e Juan Jesus e della precisione sotto porta di Palacio, tornato da due giornate a questa parte il cecchino che tutti avevano potuto ammirare a inizio stagione.

Tuttavia, a fare da contraltare a queste note positive, ci sono le prestazioni di giocatori che non stanno attraversando un grande periodo di forma: su tutti, Walter Gargano. Contro i giallorossi, il centrocampista uruguaiano è stato protagonista di un’altra prova sottotono. Arrivato a Milano per garantire corsa e dinamismo alla mediana nerazzurra, dopo un periodo iniziale in cui era riuscito a dare il suo contributo, nelle ultime settimane il Mota ha palesato tutti i suoi limiti.

Una delle cause di questo calo risiede senz’altro nelle lacune tecniche della rosa a disposizione di Stramaccioni: la mancanza di un regista in grado di smistare palloni e far ripartire l’azione, costringe molto spesso l’ex Napoli a svolgere compiti da vero e proprio playmaker.

Gargano è un faticatore del centrocampo, un recupera palloni ma quando si tratta di impostare l’azione va inevitabilmente in difficoltà. Per questo motivo, Branca e Ausilio dovranno assolutamente intervenire sul mercato per acquistare un giocatore capace di garantire maggiore qualità alla manovra.

I nomi sono noti a tutti, con Paulinho in cima alla lista dei desideri. Ora sta ai dirigenti nerazzurri completare un reparto che finora è stato uno dei punti deboli della squadra, così da permettere all’uruguaiano di tornare a fare il lavoro che meglio gli riesce.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy