Handanovic: "La Juve è di un altro pianeta, ma siamo solo a dicembre e l'Inter..."

Handanovic: “La Juve è di un altro pianeta, ma siamo solo a dicembre e l’Inter…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Handanovic InterSulle pagine del Corriere dello Sport di venerdì 28 dicembre, è apparsa un’intervista del portierone nerazzurro Samir Handanovic, autore fin qui di una stagione eccellente. Lo sloveno ha mostrato fiducia nel lavoro della squadra e trattato altri argomenti, come la forza della Juve e il paragone continuo che lo vede contrapposto ad un mostro del passato interista come Julio Cesar.

Potevamo fare meglio in questa prima fase di stagione, abbiamo iniziato prima di tutti perché avevamo i preliminari di Europa League, poi ci abbiamo perso qualche punto per strada soprattutto in casa. Qualche pareggio in più sarebbe stato utile, abbiamo perso partite che potevano essere gestite diversamente“.

Secondo Samir, i torti arbitrali non contano: Non voglio parlare di arbitri perché solitamente non lo faccio, poi nell’arco di una stagione qualche episodio sfavorevole capita a tutti. Noi dobbiamo solo cercare di migliorare il nostro gioco e raccogliere più punti, senza usare gli arbitraggi come alibi“.

Questa Juventus però si allontana sempre più: “La Juve è di un altro pianeta ma si trova davanti a tutti grazie al gioco espresso e ai risultati ottenuti. Hanno un bel vantaggio in classifica anche se, rispetto all’anno scorso quando non perdevano mai, hanno già rimediato due sconfitte. Juventus a parte, è stato un campionato equilibrato. I bianconeri hanno il vantaggio di aver iniziato il loro progetto in anticipo e giocano a memoria, ma tutte le inseguitrici possono mettere loro pressioni. Resto dell’idea che il campionato non sia ancora finito, siamo a dicembre e l’Inter deve continuare a lottare per il titolo. Vedremo se riusciremo a mettere in difficoltà la Juventus. La sorpresa di questo campionato? La Fiorentina per il gioco e per la gestione delle partite. I viola non puntano mai al pareggio, provano sempre a giocarsela“.

Tra gli obiettivi del portiere nerazzurro c’è anche la disputa della Champions League: “Mi manca molto, finora ho disputato solo i preliminari e come tutti i calciatori vorrei disputarla. Vorrei tanto farlo con l’Inter l’anno prossimo“. Poi un complimento speciale a un compagno: “Quello che più mi ha impressionato è Samuel. Da avversario non ti rendi conto di quanto sia forte“. Poi, si parla di Cassano: “Ha portato allegria con i suoi scherzi. Io sono tranquillo, siamo due poli opposti, ma uno come lui serve eccome“.

Infine, qualche riflessione personale: “Un giocatore non deve mai essere soddisfatto, deve cercare sempre di migliorare. Personalmente non mi concentro troppo sul mio rendimento, piuttosto su quello della squadra. Se è solida e non prende troppi gol, per un portiere è il massimo. La mia parata più bella? L’uscita bassa su Markovic a San Siro contro il Partizan. Per venire all’Inter ho rinunciato a dei soldi (250 mila euro), ma sapevo che dopo 5 anni di Udine qui avrei potuto aprire un ciclo e sarebbe stato un passo avanti nella mia carriera. Magari recupererò quei soldi attraverso vittorie e grandi prestazioni“.

Handanovic all’Inter è stato chiamato per sostituire un grande campione: “Ho sentito tante volte il paragone con Julio Cesar, ma non mi preoccupo perché io sono io e lui è lui. Stimo Julio Cesar, ma non ho mai avuto paura di giocare nell’Inter al mio arrivo“. L’etichetta di pararigori: “Non esiste un portiere che li para e uno che non li para. A me non interessa essere considerato solo così, è riduttivo. Preferisco fare altri interventi, per esempio una bella uscita bassa ti dà più soddisfazione di un rigore parato“.

La prima partita del 2013 l’Inter sarà di scena a Udine: “Mi farà piacere tornarci, non sarà una partita come le altre. Magari durante il viaggio in pullman o poco prima del match sarò emozionato, ma poi una volta iniziata la partita sarà come le altre e il mio atteggiamento sarà il solito. A Udine sono stato benissimo, lì c’è una scuola dove si può migliorare e diventare calciatore. L’Udinese non è solo Di Natale, ha Pinzi e una difesa solida”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy