Preparazione anticipata, impegni europei e sfortuna: così l’Inter si ritrova incerottata

Preparazione anticipata, impegni europei e sfortuna: così l’Inter si ritrova incerottata

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Secondo posto in classifica, qualificazione ai sedicesimi di Europa League ottenuta con due gare d’anticipo, prima (e finora unica) squadra a sbancare lo Juventus Stadium, 10 vittorie consecutive, nonché 10 partite vinte in trasferta su 11 giocate: il cammino intrapreso fino a qui dall’Inter di Stramaccioni è senza dubbio da applausi; cosa chiedere di più a questa Inter che sta andando alla grande e che sa entusiasmare i propri tifosi? Pretenere di più è davvero difficile, forse si potrebbe chiedere meno… infortuni.

Si è soliti dire che “piove sempre sul bagnato”; dando un’occhiata all’elenco degli infortunati in casa Inter, è facile capire il perché: 11 giocatori in disponibili (o quantomeno in forte dubbio per il prossimo impegno), praticamente una squadra intera ai box per infortuni più o meno recenti. E’ fisiologico che, durante una stagione ricca di impegni e partite ad alto ritmo, qualche probelma fisico possa capitare; sfortuna vuole che l’Inter sia stata falcidiata da infortuni proprio nel suo momento migliore, nonché che i giocatori colpiti fossero tra quelli più in forma.

Negli ultimi 10 giorni l’infermeria nerazzurra è andata riempiendosi: oltre ai giocatori indisponibili già da diverso tempo, ossia Stankovic, Chivu, Sneijder, Obi, Mariga e Coutinho, si sono aggiunti Ranocchia e Samuel dopo la sfida con la Juventus, Mudingayi in seguito all’infortunio rimediato nei primi minuti di Partizan-Inter e infine Guarìn, che dovrebbe star fermo per 15-20 giorni.

E’ inutile mettersi a cercare i “colpevoli” di questa serie di infortuni a catena, sia perché gli impegni così ravvicinati portano a sforzi davvero difficili da sostenere (tenendo presente che la stagione dell’Inter è iniziata prestissimo), sia perché alcuni infortuni sono di natura traumatica, dovuti a contrasti di gioco (vedi Coutinho) e non imputabili a errori dello staff medico o dei preparatori atletici.

Non sarà facile gestire una rosa martoriata da guai fisici, tenendo presente che il calendario nerazzurro è fitto di impegni da non fallire. Un piccolo spiraglio, una luce in fondo al tunnel s’intravede in questa settimana: mercoledì ci saranno le amichevoli della nazionali, i giocatori dell’Inter convocati non sono molti e sarà possibile dedicarsi al recupero degli infortunati in maniera attenta e accurata.

La squadra allenata da Stramaccioni ha già dimostrato di saper affrontare le avversità con carattere e determinazione, restando unita e dimostrando tutte le proprie qualità; ora è il momento di stringere i denti, di essere più forti dei guai fisici, di continuare a pedalare anche se la salita sembra interminabile, perché dopo una dura salita, c’è sempre una discesa, utile per lanciarsi nello sprint. Tutto questo sperando di non dover far più i conti con gli infortuni.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy