L’Inter studia il colpo Giuseppe Rossi

giuseppe rossi
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Fino all’ottobre 2011, Giuseppe Rossi era ritenuto uno degli attaccanti più forti e completi d’Europa, titolare inamovibile della nazionale di Cesare Prandelli e reduce dalla miglior stagione in carriera, chiusa con 32 reti.

Ma proprio in quel periodo, nella sfida contro il Real Madrid, arriva il crac al ginocchio destro: rottura del legamento crociato anteriore. Sei mesi di stop ed Europeo a rischio. Quando ormai sembrava tutto pronto per il rientro, ecco che arriva la  ricaduta in allenamento il 13 aprile.

Niente Europeo, stagione 2012/2013 a rischio e Villarreal retrocesso. Un disastro tecnico ed economico per gli spagnoli e un incubo senza fine per Rossi, che ha visto crollare la sua valutazione da 35-40 milioni a 10 milioni. L’Inter, a queste condizioni, potrebbe sfruttare l’occasione, vista anche la giovane età di Pepito, che compirà 26 anni il prossimo marzo. La Juve in primis si era mossa tempo fa per l’italo-americano, salvo poi virare sull’allora romanista Mirko Vucinic, perchè più economico.

Inutile dire che a gennaio ci sarà da sgomitare per averlo, come rivelato dal suo procuratore Pastorello: “Ci sono state tante manifestazioni di interesse durante l’estate, alle quali però il calciatore non ha voluto dar seguito. Oggi la preoccupazione e l’ansia di trovare una soluzione per uscire da quest’empasse è tanta. Lui è fuori dal campo ed il Villarreal è in serie B. La voglia di cambiamento è molta, ma non bisogna fare errori ed aver fretta perché dobbiamo ricordare che Giuseppe è un top player”.

“Se torna in Italia? Andrà dove è meglio per lui, che sia Italia o Australia. E’ un calciatore cosmopolita, parla tre lingue fluentemente e non ha problemi ad andare in Spagna, Italia o Inghilterra. Giuseppe sceglierà il club che gli garantirà la possibilità di iniziare a vincere qualcosa di importante per tornare ai livelli che gli competono. Non escludo nulla in termini di destinazioni, ma l’unica cosa certa è che lo prenderà solo il club che se lo potrà permettere, nel senso che pagherà ciò che il Villarreal riterrà giusto chiedere, che manterrà lo stipendio importante che attualmente ha e che gli garantirà la possibilità di vincere con un progetto ambizioso: queste sono le tre prerogative per prendere Giuseppe Rossi“.

La Roma su tutte rappresenta l’avversario più ostico ed il direttore sportivo Walter Sabatini sembra deciso a puntare sul giocatore italo-americano. Occhio però anche a Milan, Juventus e Napoli che potrebbero inserirsi all’ultimo. Con una discreta dose di coraggio e pazienza l’Inter potrebbe mettere a segno un grande colpo in prospettiva e riportare a casa uno dei più grandi talenti del nostro calcio.  Non resta che rischiare.