Strama: "Ho avuto le risposte che volevo. Il gruppo sta crescendo, siamo pronti per..."

Strama: “Ho avuto le risposte che volevo. Il gruppo sta crescendo, siamo pronti per…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

“L’Inter ha disputato un primo tempo importante, nonostante avesse cambiato tanto. Questo vuol dire che tutto il gruppo sta crescendo. Chiudere il primo tempo 3-0, con così tante occasioni, è un buon segnale. Stiamo lavorando bene. Questa è una vittoria importante anche perché mi ha dato le risposte che speravo di avere. Commenta così Andrea Stramaccioni il largo successo ottenuto contro il Neftçi. “È la terza vittoria consecutiva di una squadra che mi sta dando soddisfazione, una squadra in crescita – aggiunge il tecnico – c’erano in campo cinque giocatori sotto i 21 anni: inizia un nuovo ciclo. E ora il derby”.

A proposito della stracittadina, Stramaccioni sorridendo nega che la sua Inter parta favorita: Dopo la vittoria di San Pietroburgo credo che sia il Milan favorito… Sarà una gara difficile, il Milan sta facendo bene e sarà una partita bellissima. Abbiamo solo un giorno praticamente per lavorare sul campo, ma ce la faremo”. Impossibile non sottolineare poi la grande prestazione di Coutinho: “Ho capito subito le sue qualità, lui sta lavorando molto bene. Dico bene di lui, ma in generale di tutti i cinque giovani in campo, questo dimostra quanto lavora bene il nostro settore giovanile. È stato un segnale importante della qualità che abbiamo in rosa.

“L’Inter ha disputato un primo tempo importante, dimostrando un’identità di squadra che coinvolge tutto il gruppo. C’è stato un passo in avanti in termini di gestione del gruppo. L’esordio di Garritano? Sono segnali importanti di questo gruppo. Ho visto una grande dimostrazione di personalità, dal punto di vista del gioco la migliore. Io non ho dubbi sulle qualità dei miei, siamo un gruppo molto unito, quando la squadra non perde la sua identità cambiando 7 giocatori significa qualcosa”.

“Abbiamo sicuramente rispettato l’avversario e la squadra – conclude il mister parlando del fitto turn over messo in atto a Baku – ho preferito togliere chi aveva molti minuti nelle gambe. I giocatori che ho lasciato a Milano avevano giocato 5 gare in 9 giorni. Adesso non posso averne la prova, ma sono sicuro che se li avessi schierati avrebbero fatto fatica. In campo c’era la migliore Inter”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy