Strama: "Infastiditi dal risultato, ma guardo il bicchiere mezzo pieno. Jonathan sostituito perchè..."

Strama: “Infastiditi dal risultato, ma guardo il bicchiere mezzo pieno. Jonathan sostituito perchè…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Puniti da due episodi. E’ con queste parole che Andrea Stramaccioni riassume il 2-2 ottenuto a San Siro contro il Rubin Kazan nella prima giornata del Gruppo H. “Era una squadra difficile da pressare – prosegue il mister – ti sanno mettere in difficoltà. L’Inter in generale mi è piaciuta, anche se più nel secondo tempo.

“L’episodio del rigore non è frutto di pericolosità ma di ingenuità, non c’è però nessuna colpevolizzazione. Per la quarta volta siamo andati in svantaggio prima del 20′ a San Siro, ma l’Inter dopo il gol ha comunque creato occasioni. Nel secondo tempo l’Inter mi è piaciuta, ha alzato il baricentro. Poi c’è stata una grande disattenzione collettiva, uno di quegli errori che una squadra come la nostra non può permettersi”.

Ennesima non vittoria al Meazza? Ovvio che ci dia fastidio, anche oggi i tifosi ci sono stati vicini come squadra e a me personalmente dispiace non avergli dato una gioia. Sembrerà un’analisi semplicistica ma siamo stati puniti da 2 episodi. Mi fa rabbia perché tante cose sono andate bene eppure ti trovi un’altra volta a non aver vinto.

Con il tecnico si parla quindi delle sostituzioni: Ho cambiato Jonathan perchè avevo bisogno di inserire un terzo centrocampista, non per altri motivi. Pereira per Cassano? E’ stata una scelta tattica, Antonio non era stanco. Sta bene, ha fatto benissimo, ispirando il gioco. Perchè non ho messo Sneijder? In mezzo al campo c’era tanto traffico, volevo giocatori che dessero ampiezza”.

Fonte: inter.it

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy