Moratti: "Bravo Stramaccioni! Inter cinica e intelligente. Ranocchia e Juan..."

Moratti: “Bravo Stramaccioni! Inter cinica e intelligente. Ranocchia e Juan…”


Dopo l’importante successo dell’Inter contro il Torino, arriva anche il commento di Massimo Moratti, intercettato dai giornalisti all’ingresso degli uffici Saras. Ecco le dichiarazioni rilasciate dal presidente nerazzurro sul match di ieri sera:

Contro il Torino, un altro gol di Cassano…

“Bene lui, ma bene anche gli altri perchè hanno giocato una partita intelligente. Bravo l’allenatore, che ha fatto una partita prudente, intelligente, tenendo la palla. Era necessario fare così, è stata una gara svolta bene”.

Ieri sera Andrea Stramaccioni si è arrabbiato con chi ha definito il gioco dell’Inter “da provinciale”. Come replica Moratti?

“Penso sia un’aggettivazione venuta male a chi l’ha fatta, nel senso che non mi è sembrata una partita di una squadra in difesa. Credo abbia sbagliato colui che l’ha detta, che ha ripreso il fatto di voler comunque dire qualcosa di negativo sull’Inter anche se si sbaglia a dirlo”.

Quanto è importante aver ritrovato Andrea Ranocchia che, con Juan Jesus, può formare la coppia di centrali del futuro?

“Sì, coppia del futuro, ma adesso stiamo vivendo il presente e ci sono anche altri giocatori che sono forti. Loro avranno tempo e modo di crescere e, se vanno avanti come ieri, lo faranno molto bene”.

Al presidente Moratti piace quest’Inter, magari un po’ più accorta, ma sicuramente più cinica?

“Sì, certamente cinica. C’è bisogno di un po’ più di velocità, ma ieri credo sia stata una partita giocata intelligentemente”.

L’ha insospettita la sostituzione di Sneijder, uscito dal campo abbastanza fuorioso?

“No (ndr, sorride). Credo, anzi, sia bello che si arrabbi perchè vuol dire che vuole giocare”.

Sono però segnali che, alla lunga, possono rischiare di rovinare il rapporto con l’allenatore?

“No, non credo. L’allenatore ci sa fare e i giocatori sono intelligenti”.

 

Fonte: inter.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy