Ingaggi: la Serie A ci dà un taglio. L'Inter...

Ingaggi: la Serie A ci dà un taglio. L’Inter…


Argomento del giorno de La Gazzetta dello Sport è il monte ingaggi delle squadre che militano nel nostro campionato. In tempo di fair play Finanziario, sono proprio le pagine della rosea a riportare le tabelle con tutti gli stipendi dei singoli calciatori di Serie A.

Negli ultimi anni, le big del nostro campionato hanno operato un taglio netto sul loro monte ingaggi con Milan e Inter in prima linea. Per quanto riguarda i rossoneri, le partenze di Ibrahimovic e Thiago Silva, anche se hanno depauperato la rosa di qualità e tecnica, hanno avuto l’effetto di alleggerire il monte stipendi di circa 60 milioni.

Bene le squadre medio piccole con il Genoa che risparmia 7 milioni, il Siena 4 ed il Palermo 3. Ancora  dietro Juve e Roma con i bianconeri che, visti gli ingenti investimenti sul mercato di questi due anni, hanno ancora molto da lavorare.

I giallorossi invece, non hanno potuto completare l’opera di risanamento, complice il rinnovo del contratto di De Rossi. Non avendo inserito il prolungamento di Cavani nel bilancio di questa stagione e grazie alla cessione di Lavezzi al PSG, la squadra che si trova nella posizione migliore è il Napoli.

E l’Inter? I nerazzurri, in questi due anni dove le scelte di mercato sono state condizionate dalle esigenze di bilancio, hanno tagliato il monte ingaggi di circa 40 milioni. “Persi gli introiti della Champions – scrive la rosea – Branca e Ausilio hanno dovuto portare avanti una campagna di rinunce . Sono da ricondurre a questa strategia, le operazioni in uscita che hanno coinvolto i vari Lucio, Forlan, Maicon e Julio Cesar, oltre ovviamente ai motivi puramente tecnici e anagrafici.

Ad oggi, comunque, i giocatori più pagati della Serie A risultano Gianluigi Buffon, portiere della Juventus e della nazionale, e Wesley Sneijder il quale, probabilmente, a livello tecnico, rappresenta il giocatore più importante del campionato italiano.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy