La nuova difesa prende forma: dopo Handanovic, ecco Silvestre…

Matias Silvestre
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo il piccolo intoppo di inizio settimana, l’operazione Silvestre sembra finalmente vicina alla chiusura.

A sbloccare la trattativa sarebbe stata una chiamata del presidente Moratti, che pare abbia convinto Zamparini a lasciar partire il difensore argentino grazie a un leggero rilancio rispetto all’offerta iniziale.

La formula scelta per il trasferimento dovrebbe essere quella del prestito oneroso con diritto di riscatto: la proposta iniziale dei nerazzurri era pari a un milione e mezzo di euro per il prestito più sei milioni circa (cinque più bonus, ndr) per l’acquisto a titolo definitivo; la richiesta del Palermo non è mai scesa al di sotto dei dieci milioni totali.

Per colmare questa distanza si è reso necessario l’intervento dei due patron che, come accade nella maggior parte dei casi, hanno trovato un punto di incontro a metà strada. In mattinata i dirigenti dei due club si sono incontrati di nuovo e hanno chiuso l’affare a un milione e mezzo per il prestito più sette milioni (sei più bonus, pagabili in tre rate, ndr) per il riscatto del cartellino. A confermare la buona riuscita dell’operazione è stato il direttore generale dei rosanero, Giorgio Perinetti: “E’ fatta per Silvestre all’Inter, mancano solo le firme. Non ci saranno contropartite tecniche in quest’affare. I prossimi passi saranno le firme e l’ufficialità“.

Nessun problema anche per quanto riguarda l’intesa con il giocatore: i vertici di corso Vittorio Emanuele hanno già incontrato l’agente, Pablo Cosentino, trovando l’accordo per un triennale a un milione e mezzo, con l’aggiunta di qualche bonus legato al rendimento.

Il doppio colpo Handanovic-Silvestre chiude la prima fase del restyling del reparto arretrato che, nei prossimi giorni, dovrebbe essere perfezionato (e, forse, ultimato) con la cessione di Maicon al Chelsea e l’arrivo di un sostituto per la fascia destra.