Moratti: "Complimenti a Prandelli, ma ho fiducia in Strama. Balotelli? Ho pensato di riprenderlo..."

Moratti: “Complimenti a Prandelli, ma ho fiducia in Strama. Balotelli? Ho pensato di riprenderlo…”


Dopo l’exploit dell’Italia e, soprattutto, di Mario Balotelli contro la Germania, il presidente dell’Inter Massimo Moratti è tornato a parlare del suo pupillo, svelando curiosi retroscena e ribadendo la stima nei confronti dell’attaccante. Attraverso le pagine della Gazzetta dello Sport il patron nerazzurro ha commentato anche il sorprendente percorso degli azzurri a Euro 2012 e le voci che, fino a qualche mese fa, volevano il ct Cesare Prandelli vicino alla panchina dell’Inter.

Ecco le sue parole:

Presidente, riesce a dire la sensazione che ha provato nel vedere giocare a Balotelli quella partita?

“Orgoglio e felicità. Sono felice per lui perché mi sembra che abbia trovato finalmente una casa, l’Italia, e che dagli italiani ora si senta benvoluto come desiderava”.

E come meritava?

“Per lui dev’essere stata una specie di conquista, ma non perché dovesse dimostrare di meritarlo, o far capire di essere cresciuto: credo cercasse soprattutto qualcosa di sentimentalmente gratificante”.

Crede sia anche perché è da quando gioca che gli si chiede di dimostrare qualcosa?

“E invece lui proprio questo chiede: di non avere ogni volta qualcosa da dimostrare. Di vedere rispettata questa sua libertà di crescere secondo le aspettative, ma anche secondo i suoi tempi”.

Bello vederlo sciogliersi così, quando a fine partita è andato ad abbracciare sua mamma in tribuna, vero?

“Ecco, in quell’abbraccio c’è tutto quello che dicevo, il discorso di certe promesse conquistate, più che rispettate: la conferma di chi sente finalmente di non sprecare la sua classe”.

Ma è vero che Balotelli è uno che bisogna saper prendere, come ragazzo e come calciatore?

“Balotelli è un ragazzo complesso, ma è anzitutto un grande talento e all’Europeo lo sta dimostrando anche in termini internazionali, davanti a tutto il mondo. E la cosa bella è che per farlo ha saputo soffrire: Prandelli ha anche scelto di non farlo giocare (contro l’Irlanda non partì titolare, ndr), ma lui non si è buttato giù, ha reagito”.

Dica la verità: con quel gol del 2-0 contro la Germania ha fatto saltare sulla sedia anche lei.

“Ma anche con il primo! Fantastico quel passaggio di Cassano, uno che come Balotelli fa paura agli avversari perché si sa che in qualunque momento può inventare qualcosa. E fantastico Mario nel liberarsi dal difensore. E poi, quando ha segnato il 2-0, l’ho visto bello deciso… Due gol molto suoi, comunque: gol da Balotelli”.

E dica la verità un’altra volta: rimpianti?

“Non vivo come una diminutio l’ammettere di aver pensato di riportarlo all’Inter: per me è una diminutio solo fare cose che non si devono fare. Avrei scommesso volentieri di nuovo su di lui, ma il Manchester City ha avuto tutto il diritto di dirci no: voleva tenerselo stretto”.

E vedere un Pirlo così la fa pentire?

“Se ci pentiamo noi, il Milan cosa dovrebbe fare? Giocatore immenso, uno di trent’anni che sembra giocare con dei ragazzini di 16: personalità e facilità di gioco spaventose e però mai fini a se stesse,ma sempre messe al servizio della squadra”.

Presidente, domani sera a Kiev finirà come nel 2006?

“A me questa squadra ricorda più quella dell’82, per il gioco ma non solo: anche allora sembrava tutto negativo e venne fuori una squadra con lo stesso spirito vincente e un centravanti sorprendente, che nell’occasione si dimostrò un campione. Una squadra capace di entusiasmare, davvero. Bravissimo Prandelli e bravi i giocatori a seguirlo, mettendoci del loro”.

Lo stesso Prandelli a cui aveva pensato anche lei per l’Inter, si disse.

“No, guardi: non c’è mai stato nessun contatto. Fiducia totale in Stramaccioni, ma a Prandelli mando i miei complimenti, davvero”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl