Destro scatena il mercato: c'è anche il Milan

Destro scatena il mercato: c’è anche il Milan


L’intrigo per Mattia Destro si riempie sempre di nuovi orizzonti, con una situazione che si evolve di giorno in giorno, ed il numero di pretendenti che aumenta sempre più.

Oltre a Juventus, Inter e Roma, si era fatto avanti anche il Paris Saint-Germain, ma l’indiscrezione clamorosa delle ultime ore riguarda l’interesse, nemmeno tanto segreto a questo punto, del Milan, che con Galliani ha ammesso senza problemi che il calciatore potrebbe arrivare alla corte di Allegri, sbaragliando la concorrenza un po’ a sorpresa.

Tutto è cominciato da una cena a Forte dei Marmi tra Galliani e il presidente del Genoa Enrico Preziosi che, tra una portata e l’altra, hanno cominciato a mettere le basi per una trattativa che sembrava davvero impossibile fino a qualche giorno fa.

Le dichiarazioni del dopocena sono state quantomeno eloquenti. Infatti, l’amministratore delegato del Milan, ha dichiarato apertamente che, oltre alla permanenza di Thiago Silva, probabilmente arriverà anche il giovane centravanti di Ascoli Piceno, pronto a prendere il posto di Inzaghi e giocarsi una maglia con Pato.

Più prudente il presidente della società ligure che ha chiaramente affermato che ogni bozza di trattativa potrà spiccare il volo solo quando il Genoa avrà in mano tutto il cartellino del calciatore, che al momento è a metà col Siena.

Derby di mercato, intrecci che possono dar fastidio alla Beneamata, soprattutto perché il Milan si è già inserito nella trattativa per il difensore del Palermo Matias Silvestre per colmare un’eventuale partenza di Thiago Silva.

La strada per arrivare a Destro si complica in maniera inaspettata, anche perché tra Genoa e Milan esiste una sorta di santa alleanza in sede di mercato come dimostrano i casi Boateng, Constant e Merkel. A questo punto, gli ottimi rapporti tra Moratti e Preziosi potrebbero servire a poco, nonostante la promessa di quest’ultimo di cedere l’attaccante alla società nerazzurra.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl