Sei qui: Home » Next Generation Inter » “Final Eight” Primavera: occhio alla Lazio di Bollini

“Final Eight” Primavera: occhio alla Lazio di Bollini

Questa sera alle ore 21 allo stadio “Barbetti” di Gubbio l’Inter di Bernazzani affronterà la Lazio per decretare la vincitrice dello Scudetto Primavera 2011/2012.

La Lazio di Alberto Bollini è arrivata a questa finale dopo un’ottima stagione regolare conclusa con la qualificazione diretta a queste “Final Eight” grazie al secondo posto conquistato nel Girone B alle spalle della Roma. Per i biancocelesti 62 punti all’attivo frutto 19 vittorie, 5 pareggi e 2 sole sconfitte. Nei quarti di finale i laziali hanno avuto la meglio per 2-1 sul Torino e poi in semifinale hanno superato 3-1 nel “Derby” capitolino la Roma, campione in carica.

Dal punto di vista tattico durante quest’annata Bollini ha spesso utilizzato il modulo 4-3-3, capace di sfruttare al meglio la vena realizzativa degli attaccanti biancocelesti (ben 98 reti all’attivo tra fase regolare e fase finale, ndr) senza però minare l’equilibrio di squadra (solo 22 reti al passivo, ndr).

Uno dei punti di forza della Lazio è il portiere Alessandro Berardi, classe ’91, autore di una prestazione fenomenale in semifinale contro la Roma. In difesa il fiore all’occhiello della società è il centrale difensivo Luca Crescenzi. Il ventenne romano è uno dei migliori prospetti nel ruolo a livello nazionale ed avrà l’arduo compito di provare a contenere il bomber nerazzurro Longo. In mezzo al campo spicca per personalità il classe ’94 Danilo Castaldi e per velocità e brillantezza il diciannovenne nigeriano Onazi. In avanti poi c’è l’imbarazzo della scelta. La stella assoluta è il paraguaiano, classe ’92, Gonzalo Barreto autore quest’anno di 19 reti. Non sono poi da sottovalutare i due esterni offensivi della squadra di Bollini. Il nigeriano Emmanuel è stato il protagonista delle vittorie con Torino e Roma realizzando tre reti ed il ’94 Antonio Rozzi, già nel giro della prima squadra in questi primi mesi del 2012, è assolutamente da temere per la vivacità ed il senso del gol messi in mostra in questa stagione (15 reti all’attivo, ndr).

LEGGI ANCHE:  Il Tottenham di Conte insidia l'Inter per l'obiettivo di mercato: i dettagli

Servirà la migliore Inter per avere la meglio di questa Lazio in una partita che si annuncia ricca di pathos ed emozioni.