San Siro si rifà il look: trovato l'accordo per il sintetico misto

San Siro si rifà il look: trovato l’accordo per il sintetico misto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La notizia era nell’aria da tempo, adesso è diventata ufficiale. Dopo un ventennio di continue rizollature il manto erboso dello stadio “Meazza” passerà al sintetico, o più precisamente ad un misto di erba sintetica (sotto) e naturale (sopra).

Il problema persiste da oltre 20 anni, con precisione dal 1990, quando in occasione dei mondiali italiani vennero costruiti il terzo anello e la copertura. Le modifiche hanno creato problemi al naturale passaggio d’aria all’interno dell’impianto e alla possibilità per la luce di raggiungere tutto il rettangolo di gioco.

Da quel momento ad oggi i milioni spesi per stendere a ripetizione il manto erboso di San Siro sono incalcolabili. Le immagini di enormi rotoloni di erba pronti per essere spiegati caratterizzavano le vigilie dei grandi match, come se anche il verde del “Meazza” avesse la necessità di prepararsi al grande evento.

Tutto sembra essersi velocizzato dopo le polemiche e la denuncia inoltrata all’Uefa dal Barcellona dopo l’andata dei quarti di finale di Champions League, disputata lo scorso 28 marzo contro il Milan. L’accordo tra le due società meneghine e il consorzio che gestisce l’impianto è stato trovato e i lavori cominceranno già durante la prossima estate (intorno alla metà di giugno; non prima, per via dei concerti già in programma).

Con ogni probabilità il nuovo manto sarà inaugurato in occasione del Trofeo Berlusconi, nella speranza che Inter e Milan possano finalmente contare su un terreno di gioco all’altezza della loro storia.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy