Leonardo pronto a lasciare Parigi. Può tornare a Milano?

Leonardo Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La vita parigina non sembra avere più il fascino di un tempo. Dev’essere questa l’impressione maturata in Leonardo e nella sua famiglia dopo quasi un anno trascorso all’ombra della Tour Eiffel.

Dalla Francia, in particolare dal quotidiano Le 10 Sport, arrivano le prima indiscrezioni sul possibile divorzio tra Leo e gli sceicchi qatarioti. Tutto sembra essere legato a motivi personali, in quanto la famiglia del brasiliano non si sarebbe adattata alla vita d’oltralpe, e starebbe sognando un immediato ritorno sotto la Madonnina.

Leonardo avrebbe già contattato i proprietari del club, anticipando le sue intenzioni in vista della prossima stagione. I più critici vedono in questa prematura fuga del brasiliano un modo per togliersi dall’imbarazzo di una situazione calcistica alquanto complicata. Il Paris Saint-Germain non naviga in acque tranquillissime: fuori dall’Europa e a -2 dal Montpellier capolista, nonostante i tanti soldi spesi in estate e a gennaio, quando fu lo stesso dirigente brasiliano a far fuori Kombouarè (che in quel momento era in testa alla Ligue 1) per fare spazio all’amico Ancelotti.

“Leo vuole tornare in Italia” riferisce Le 10 Sport e tutti gli indizi portano all’Inter. Il presidente Massimo Moratti sarebbe disposto a riaccoglierlo a braccia aperte, dopo la breve esperienza dell’anno scorso (quando Leo subentrò a Benitez) conclusa con un secondo posto in campionato e la vittoria della Coppa Italia. Questa volta, però, il brasiliano arriverebbe ad Appiano per ricoprire un ruolo diverso, quello di dirigente (il suo incarico preferito).

E’ un’Inter che si appresta a una rivoluzione e il prossimo anno ci saranno profondi cambiamenti, non solo in rosa ma anche negli assetti dirigenziali. Considerando che Branca è stato più volte messo in discussione negli ultimi due anni, tutto sembra calzare a pennello per un ritorno di Leonardo in società. Solo voci o ipotesi realistica? Ai posteri l’ardua sentenza…