Ranieri: "Grande reazione d'orgoglio. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno..."

Ranieri: “Grande reazione d’orgoglio. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo il primo tempo non era facile, ma per fortuna nello spogliatoio ho dei campioni che si sono guardati negli occhi e hanno saputo reagire. Perso per perso, nella sofferenza sono riusciti a tirare fuori l’orgoglio e l’amore per la maglia e hanno recuperato il risultato”. Commenta così Claudio Ranieri il pareggio ottenuto in rimonta sul Catania: “Diventerò noioso a ripeterlo – prosegue il mister – ma c’è da dire che anche questa volta alla prima occasione siamo stati puniti e la determinazione è venuta meno. Avevamo iniziato la partita bene, poi al primo contropiede il Catania ha trovato il gol e siamo andati in difficoltà“.

La reazione della squadra ha evitato l’ennesima sconfitta ma non ha spento le voci riguardanti un possibile avvicendamento sulla panchina nerazzurra:Le nuvole incombono non solo sull’allenatore, ma su tutta l’Inter – precisa Ranieri – Il presidente Moratti è stato chiaro, siamo tutti chiamati in causa. A me non interessa solo la mia posizione, io cerco di fare il meglio per la squadra. Quella di stasera è stata una risposta molto importante, siamo tornati al gol, ma non finisce qui: guardiamo il bicchiere mezzo pieno e poi cerchiamo di riempire quello vuoto. Questa è una squadra che non si arrende e continuerà a lottare”.

Si passa poi ad analizzare la prestazione dei singoli, partendo da Forlan, schierato in una posizione inedita ma autore comunque di una buona gara: Non glielo chiederò sempre di sacrificarsi in quel ruolo. Lui è una prima, una seconda punta, ma io l’ho già detto: metterò sempre in campo coloro che considero essere i migliori. Oggi ha giocato in una nuova posizione, era la prima volta e farà sempre meglio”. Dal “Cacha” a Sneijder, subentrato dalla panchina nella ripresa: “Noi esaltiamo o buttiamo giù Wesley. E’ normale parlare di lui nel bene o nel male, ma bisogna considerare che si sta ritrovando solo adesso dopo un girone di andata nel quale non ha avuto modo di esprimersi come avrebbe potuto”.

Infine un commento su alcuni striscioni di contestazione apparsi sugli spalti del “Meazza” e indirizzati alla società: “Dispiace che un club e un presidente che hanno dato tanto vengano criticati nella prima stagione no. Dobbiamo essere più forti anche di queste cose e andare oltre i fischi. Quest’anno siamo chiamati a giocare contro tutto e contro tutti. E’ una sfida, anche personale, per il bene dell’Inter e dobbiamo accettarla”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy