Prime crepe tra Moratti e Ranieri

Prime crepe tra Moratti e Ranieri

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Intercettato dai giornalisti davanti ai suoi uffici, Moratti ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni sul futuro di Claudio Ranieri: “Continuiamo ad andare avanti, proviamo a vedere…” sono state le esatte parole del patron nerazzurro.

Insomma la fiducia a Ranieri, per la prima volta in questa stagione, non sembra incondizionata. La sensazione è che molto dipenda dalle prossima uscite. Non c’è un termine preciso entro il quale devono arrivare segnali incoraggianti, ma questo momento deve arrivare altrimenti il tecnico può preparare le valigie e fare compagnia a Gasperini negli esonerati a libro paga del presidente. Già la sfida contro il Napoli rappresenta un crocevia importante.

Le decisioni dell’allenatore non sono state impeccabili nell’ultimo periodo. Ha preferito Cordoba a Ranocchia contro l’ariete Caracciolo, mentre contro il folletto Miccoli ha mandato il gigante italiano allo sbaraglio. Del modulo poi non ne parliamo. In un primo momento sembrava orientato a rimanere sul 4-4-2 sacrificando Sneijder, poi forse influenzato dall’opinione pubblica ha virato deciso su un 4-3-1-2 che non convince nessuno. Ha provato anche a cambiare gli interpreti, ma in modo troppo radicale. L’altra sera ha lanciato Zarate dal primo minuto dopo averlo ignorato per mesi. Più che di duttilità, il segnale lanciato è stato di insicurezza.

Nonostante tutto la squadra sembra seguirlo. Roma a parte, non ci sono casi clamorosi di ammutinamento. Ranieri ora sa che il suo futuro nel bene e male dipende dai giocatori. Moratti non vuole vedere altre figuraccie, per quest’anno ne ha avuto abbastanza.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy