Poli: "Voglio fare la differenza"

Poli: “Voglio fare la differenza”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Consueto appuntamento del giovedì sera su Inter channel con un giocatore nerazzurro ospite del programma Prima Serata. Questa settimana è la volta di Andrea Poli, recente scoperta del pubblico del “Meazza”, dopo la serie di infortuni che l’ha costretto a stare a lungo lontano dai campi di gioco. Ripercorriamo con le parole del centrocampista la sua breve avventura nerazzurra.

Partiamo dal momento più emozionante: il primo gol con la maglia della Beneamata, in Coppa Italia nel suo personalissimo derby con il Genoa. Queste le parole del ragazzo: “È stato fantastico, un’emozione grande, festeggiata con i miei compagni e i tifosi. Poi è un tipo di gol che mi piace molto, un uno-due riuscito bene. Grande emozione, davanti ai tuoi tifosi, e poi mi ha fatto piacere perché è stato contro il Genoa, dopo aver giocato io nella Samp”.

Ovviamente gli è stato chiesto del suo rapporto con Ranieri: “Io cerco di farmi trovare sempre pronto per quando l’allenatore, la squadra, hanno bisogno di me. Il tecnico mi parla, mi consiglia, mi sta dietro, questo è importante: lo ringrazio. L’anno è partito con dei problemi fisici e non è facile iniziare la stagione così, ma io ora spero di essere al 100% il più presto possibile, al servizio della squadra”.

Confessa, poi, di trovarsi veramente bene a Milano, sia con la dirigenza (“Moratti è una persona di spessore elevato cui ti affezioni subito, una grande persona”) sia con i compagni (“Vado d’accordo con tutti, davvero, ma è ovvio che con quelli con cui ero alla Sampdoria il rapporto è più forte”). In particolare é rimasto impressionato da Stankovic, dichiarando: “Dejan è un punto di riferimento per me, è un campione che mi ha accolto benissimo, che mi aiuta e che è un grandissimo giocatore.Il suo calcio, il suo tiro, sono incredibili: solo lui può fare queste cose”. Lo sanno bene i tifosi nerazzurri che sperano di recuperare il vero Deki per questo finale di stagione.

“Ognuno di noi fa le sue esperienze, due anni alla Samp mi sono serviti per crescere e migliorare, ora l’Inter: un vanto personale, una soddisfazione. Sono felice, penso solo a giocare e a migliorare il più possibile”. Per un classe 1989, il bagaglio di esperienza accumulato è già notevole, ma il ragazzo non si accontenta. “Spero di potermi migliorare, di diventare un giocatore che fa la differenza. Penso solo a stare tranquillo, a lavorare bene e a tenermi pronto”. In bocca al lupo.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy