Tra sogno e realtà

Tra sogno e realtà


 

Alzi la mano chi si aspettava di arrivare al giro di boa della stagione con l’Inter ancora in corsa per le posizioni di vertice del campionato e qualificata agli ottavi di Champions come testa di serie. Ranieri è riuscito in un’impresa che solo pochi mesi fa sembrava impossibile: ridare fiducia a una squadra che, a detta di tutti, era sul viale del tramonto e trascinarla, nell’arco di qualche settimana, dalla zona retrocessione al quarto posto in classifica. Una rimonta incredibile che conferma la fama di “aggiustatore” del tecnico testaccino, bravo soprattutto a fare leva sull’orgoglio ferito degli eroi del Triplete.

Il risveglio dal coma di inizio stagione coincide, infatti, con la resurrezione dei reduci della cavalcata mouriniana: Julio Cesar, tornato a volare tra i pali, Samuel e Lucio, in formato “muro di Madrid”, Maicon e Motta, finalmente fuori dal tunnel degli infortuni, Milito, rimpossessatosi della corona di “Principe” e i sempreverdi Cambiasso e Zanetti.

Proprio questo aspetto, però, pur riportando la serenità nell’ambiente nerazzurro, offre diversi spunti di riflessione pensando all’immediato futuro. Per il secondo anno consecutivo l’Inter è costretta ad aggrapparsi ai suoi fragili campioni per rimettersi in carreggiata dopo un avvio disastroso. E, se l’anno scorso non erano bastati 4 innesti (Pazzini, Ranocchia, Nagatomo e Kharja) per riparare agli errori estivi e coronare i sogni di rimonta (sfumati sul più bello), risulta difficile ipotizzare uno scenario più roseo per la stagione in corso.

Con un Eto’o in meno e con un mercato invernale perfettamente in linea con l’immobilismo estivo, la società ha scelto la strada del low-profile anche nel fissare gli obiettivi stagionali. Meglio non farsi illusioni su un tricolore matematicamente possibile ma realisticamente lontano e concentrarsi su altri traguardi, che renderebbero meno amara la transizione e consentirebbero al club di rilanciare in tempi brevi le proprie ambizioni.

Sempre che Moratti ritrovi quell’entusiasmo necessario per tornare protagonisti sul mercato e allestire una rosa capace di regalare nuove soddisfazioni ai tifosi nerazzurri (fair play finanziario permettendo).

 

Alessandro Suardelli

 

 

 

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy