Il derby può attendere. L'Inter riparte con la "manita"

Il derby può attendere. L’Inter riparte con la “manita”


Buona la prima. Il 2012 inizia nel migliore dei modi per l’Inter, che vince contro il Parma a San Siro per 5 a 0. Cinque gol che restituiscono ai nerazzurri quella sicurezza che si era un po’ smarrita a inizio stagione. Sembra quasi il deja vu della stagione passata, quando la squadra di Leonardo, all’esordio sulla panchina nerazzurra, batteva per 3 a 1 il Napoli e iniziava una rimonta sfumata proprio sul più bello.

Contro gli emiliani Ranieri non vuole correre rischi e decide di mandare in campo i suoi uomini migliori, compresi i diffidati Maicon e Thiago Motta, entrambi a rischio squalifica per il derby. Un chiaro messaggio, quello lanciato dall’allenatore nerazzurro, che non ammette passi falsi e vuole i tre punti per avvicinarsi con la giusta cattiveria alla stracittadina del prossimo 15 gennaio.

L’Inter parte con il piede giusto e ha pieno dominio del campo, grazie anche a un Parma che con la testa sembra ancora in vacanza. Al 13′ la partita si sblocca con il gol di Milito su cross di un Alvarez, sempre più in crescita e sempre più “maravilla”. Dopo pochi minuti Thiago Motta raddoppia e sul finire del primo tempo ancora il Principe chiude la gara con 45 minuti di anticipo.

Il secondo tempo è una passerella e l’unica osservazione che si potrebbe fare a mister Ranieri è quella di non aver sostituito i diffidati a risultato già acquisito. C’è spazio per la firma di Pazzini e per il bellissimo gol di Davide Faraoni, il primo in serie A. Oltre all’ottima prova di Alvarez c’è da segnalare anche la ritrovata vena realizzativa di Milito e la buona compattezza mostrata dalla squadra in fase difensiva, con Samuel in versione ” Triplete”,  Maicon e Lucio in crescita, e Nagatomo che non fa rimpiangere il lungodegente Chivu.

Insomma, una vittoria decisamente convincente che consente a Ranieri di proseguire sulla strada intrapresa nelle ultime settimane del 2011. Per sapere cosa ci riserverà il futuro conviene aspettare il derby, ma una cosa è certa: la rimonta non è più utopia!

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy