Uno sguardo sulla 1^giornata di serie A

Uno sguardo sulla 1^giornata di serie A

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il recupero della prima giornata si apre con uno zero a zero al cloroformio: tra Siena e Fiorentina, che entra di diritto nella top 10 delle partite più brutte del 2011.

Cagliari e Milan non offrono uno spettacolo granchè superiore. Ma almeno ci sono i gol; o meglio, il gol (di Ibrahimovic) e l’autogol di Pisano che permettono ai rossoneri di raggiungere la Juve in testa alla classifica.

Bianconeri bloccati a Udine in una gara scevra di emozioni e caratterizzata da tatticismi esasperati: Juve in campo con un inedito 3-5-2 con Pepe seconda punta; Udinese che risponde con un 3-6-1. Roba da concordare con chi dice che il campionato italiano non è il più bello del mondo ma sicuramente il più difficile…”da guardare” ci aggiungiamo noi.

Il terzo zero a zero di giornata è della Lazio, bloccata in casa del Chievo.

La Roma sbanca Bologna giocando un grande calcio. Tantissime le occasioni creata dagli uomini di Luis Enrique che, al terzo risultato utile di fila, sembra aver definitivament preso in pugno la squadra.

Altro 3-3 del Parma. In questa occasione però ai gialloblù, in vantaggio 3-1 contro il Catania, tocca recitare la parte dei rimontati.  Ancora decisivo Lodi con un gol su rigore e un assist per Catellani.

Anche il Palermo si fa rimontare due gol da un mai domo Novara. Rosanero avanti grazie all’autogol di Ludi; raddioppia Bertolo. Rimonta azzurra con Mazzarani e Rigoni.

L’Atalanta travolge il Cesena 4-1. Romagnoli in vantaggio con Candreva; Denis, una doppietta di Marilungo e Peluso per gli orobici che salgono a 20 punti in classifica.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy