Ranieri conferma il 4-1-4-1. Difesa in emergenza

Ranieri conferma il 4-1-4-1. Difesa in emergenza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Secondo le ultime indiscrezioni Claudio Ranieri pare intenzionato a confermare il modulo visto in Turchia con Zarate e Alvarez larghi sulle fasce, pronti a trasformare il 4-1-4-1 in un 4-3-3 in fase offensiva. E’ probabile che questa disposizione tattica possa diventare una costante, almeno fino al ritorno di Diego Forlan. La scarsa vena di Milito, infatti, rende inutile lo sforzo di schierare due punte.

In difesa ancora emergenza per l’Inter. Fuori oltre a Lucio e Maicon anche Chivu e Jonathan. Per Ranieri quindi solo scelte obbligate nella composizione del reparto arretrato con i reduci Nagatomo a destra, Ranocchia e Samuel in mezzo e Zanetti a sinistra. In panchina accanto ai giovanissimi Faraoni e Caldirola ci sarà solo Cordoba.

A centrocampo confermato Cambiasso davanti alla difesa, con Thiago Motta (di nuovo titolare dopo il turno di riposo in Champions) e Stankovic (visto l’arretramento del capitano) a completare la diga centrale. Come già anticipato, sulle fasce agiranno Zarate e Alvarez, quest’ultimo in grande spolvero nelle ultime uscite.

In attacco il ballottaggio tra Pazzini e Milito vede il numero 7 favorito, con il Principe pronto a entrare nella ripresa qualora l’Inter non dovesse trovare la via del gol.

La trasferta di Siena è fondamentale per il prosieguo della stagione. Una vittoria permetterebbe di allontanarsi dalla zona pericolosa e di ricominciare a intravedere quel terzo posto che rappresenta l’obiettivo minimo. Speriamo che alla continuità tattica voluta da Claudio Ranieri corrisponda una continuità in termini di risultati.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy