Paolillo: "Rinviare la gara è stata la decisione più giusta"

Paolillo: “Rinviare la gara è stata la decisione più giusta”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La terribile alluvione che ha devastato la parte bassa di Genova, provocando sette vittime, tra le quali due bambine, ha inevitabilmente indotto a sospendere la partita in programma domenica 6 novembre a “Marassi” tra Genoa e Inter. I torrenti in città sono esondati e la pioggia abbondante ha allagato case e negozi. Centinaia di persone sono state evacuate dai vigili del fuoco e la situazione è piuttosto angosciante e drammatica. Dopo una breve interruzione, la pioggia ha ripreso a cadere con forza sulla città, accompagnata da violente raffiche di vento che alimentano i problemi.

La decisione di rinviare la partita con i Grifoni è stata quindi inevitabile da parte della Lega Calcio, considerando anche che la zona di Marassi è una delle più colpite dall’alluvione. Anche il direttore generale nerazzurro Ernesto Paolillo, ha voluto esprimere tutto il suo rammarico per la situazione: “Rinviare la gara è stata la decisione più giusta che ci trova completamente d’accordo. Siamo vicini alla città di Genova: ci sono dei bambini che sono venuti a mancare e il nostro pensiero va alla gente che sta soffrendo”. Anche Claudio Ranieri, si è mostrato solidale con i genovesi: Nel vedere quelle immagini ti si stringe il cuore, per questo siamo vicini moralmente, con il pensiero agli alluvionati. Sono immagini tremende e auguriamo ogni bene a tutta la popolazione ligure. Veramente, adesso il calcio passa in secondo piano“. Il quesito che viene spontaneo da porsi è come sia possibile che in un paese come l’Italia possano ancora succedere queste cose.

Tali tragedie sono e saranno sempre più frequenti. In città, a Genova, i corsi d’acqua sono stati cementificati, canalizzati e tombati, cioè coperti, nascosti. Come si fa spesso in Italia, cercando di coprire e nascondere temporaneamente quelle falle che sono l’origine dei problemi di tutto il paese. E il calcio non poteva far altro che fermarsi, per aiutare a riflettere e per non lasciare soli almeno con il cuore i genovesi. Perché in queste circostanze, lo sport passa in secondo piano. Per recuperare una partita c’è sempre tempo, per ridare la vita alle persone no. 

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy