Mattia Destro, l'ultimo rimpianto nerazzurro vola col Siena

Mattia Destro, l’ultimo rimpianto nerazzurro vola col Siena

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Metti in attacco Mattia Destro, con Mario Balotelli e Robert Acquafresca. Giovani, italiani, talentuosi. L’Inter se li sarebbe trovati proiettati dalla Primavera in prima squadra in un amen (e a costo zero), e invece è costretta ad ammirare le loro prodezze ora che indossano altre maglie. Certo, qualche colpo SuperMario l’ha regalato anche in nerazzurro, ma è con il celeste del City che sta maturando umanamente e sportivamente, prova ne sia la doppietta nel derby di Manchester con conseguente “pubblicità progresso” sull’uso sicuro dei petardi. Acquafresca si sta risvegliando così come tutto il Bologna, e nelle ultime due giornate di campionato ha regalato un assist a Ramirez e si è regalato un gol (liberatorio) da tre punti contro il Chievo. L’ultimo in ordine di tempo a far parlare di sé è un ragazzo “che fa gol alla Van Basten e ha colpi alla Ibrahimovic.

Così parlò Giancarlo Antognoni di Mattia Destro, nato ad Ascoli nel 1991 e trasferitosi “Giovanissimo” a Milano. Tra il 2008 ed il 2010 l’esplosione nella Primavera di Vincenzo Esposito: miglior giocatore del torneo di Viareggio e capocannoniere con 18 reti nella stagione 2009-2010. Con il compagno di squadra Dell’Agnello (oggi a Livorno) formava una coppia d’attacco devastante, Luca Caldirola lo indicò con Santon, Obi e Khrin come uno dei più promettenti di quella favolosa nidiata.

Mattia da Ascoli ha esordito in A indossando la casacca rossoblù del Genoa nel migliore dei modi. O nel più semplice, considerate le sue qualità: segnando, dopo appena 6 minuti. Ora al Siena ha trovato un allenatore carismatico e coraggioso come Sannino, uno che punta senza paura sui giovani, pronto a regalargli quei minuti che all’Inter gli sono stati negati. Lui coglie al volo l’occasione e in campionato in due partite da titolare segna 3 gol (quelli, messi insieme, di Pazzini, Forlan e Sneijder, per intenderci), scommette su se stesso (“Io cerco di fare sempre il massimo. Ora sto facendo il mio percorso, cerco di continuare a fare bene con il Siena”) e, anche se non segna per l’Inter, prova almeno a servirle un assist: “Si riprenderà, la squadra è forte e l’organico è ampio. Sicuramente in Champions ci sarà una reazione, perché è una grande squadra”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy