Ranieri tra il 4-4-1-1 e il 4-3-1-2

Ranieri allenamento 22 ottobre (2)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sale la tensione per un derby d’Italia che dirà molto sulle ambizioni di Inter e Juventus. A differenza di Conte, che può contare sulla formazione tipo e che quindi ha ben pochi dubbi sull’undici da schierare questa sera, Ranieri deve ancora sciogliere un nodo importante sul modulo: 4-4-1-1 oppure 4-3-1-2?

La prima ipotesi, decisamente più prudente, consentirebbe ai nerazzurri di coprirsi maggiormente sulle fasce, adattando il proprio gioco a quello di Conte, che punta ad allargare le difese avversarie per sfruttare gli inserimenti dei centrocampisti (Marchisio e Vidal su tutti) e la vena realizzativa di un Matri in netta crescita. In questo caso, vedremmo un centrocampo in linea con Zanetti sulla destra, StankovicCambiasso in mezzo e Obi sulla corsia mancina. Il sacrificato sarebbe Zarate con Pazzini a lottare da solo contro la retroguardia bianconera e Sneijder a giostrare tra le linee.

Considerando però che l’Inter ha a disposizione un solo risultato (la vittoria), Ranieri potrebbe comunque rischiare il più collaudato 4-3-1-2. A quel punto la mediana si schiererebbe con il rombo: dando per scontata la presenza di Zanetti, Cambiasso e Sneijder, sarebbero Obi e Stankovic a giocarsi l’ultima maglia disponibile. Chi uscirà sconfitto dal ballottaggio lascerà il posto a Zarate, pronto a fare coppia con Pazzini per dare un po’ più di imprevedibilità alla manovra offensiva.

Nessun dubbio invece per quanto riguarda il reparto arretrato con Maicon, Lucio, Chivu e Nagatomo confermati davanti a Castellazzi, che sostituirà l’infortunato Julio Cesar.