La legge del Pazzo: se segna lui, l'Inter vince

La legge del Pazzo: se segna lui, l’Inter vince


Arrivato nello scorso mercato di gennaio dalla Sampdoria per un’operazione complessiva di circa 17 milioni di Euro, Giampaolo Pazzini non ha di certo tradito le attese in casa nerazzurra. Infatti, dal suo straordinario esordio del 30 gennaio contro il Palermo dove, segnando una strepitosa doppietta permise all’Inter di ribaltare il doppio svantaggio, il “Pazzo” non si è più fermato. E quando gonfia la rete, statistiche alla mano, i tre punti sono assicurati.

Dopo la partita contro i rosanero, Pazzini  si ripete nel 3-0 di Bari, segna il gol decisivo a Firenze, pareggia nella gara vinta per 5-2 col Genoa e decide i match contro Lecce (1-0) e Cesena (2-1), con una grande doppietta nel finale. Decisivo anche nei due 3-1 contro  la Fiorentina e il Catania. In questa stagione, 3 gol e 3 vittorie che portano il suo marchio di fabbrica, Bologna, Mosca e Lille. Con lui in campo sono arrivate undici vittorie (sei delle quali in trasferta), griffate con quattordici gol. Giampaolo Pazzini ha avuto sin da subito un grande impatto, dimostrando di essere un elemento fondamentale di cui non si può fare a meno. Oltre a essere una sentenza in area di rigore, il “Pazzo” garantisce un grosso lavoro di sacrificio, a dispetto di tutti quelli che lo ritengono un uomo utile solo negli ultimi venti metri. Per informazioni, chiedere al centrale del Lille Chedjou, che nella partita di martedì lo ha rincorso in lungo e in largo per tutto il campo.

Anche il rapporto con l’ambiente nerazzurro è stato fin da subito idilliaco, dai compagni ai tifosi, passando per la società. Il “Pazzo” è entrato nel cuore di tutti, soprattutto del presidente Massimo Moratti che, a inizio stagione, aveva così indicato la linea da seguire a Gasperini: “Metti dentro Pazzini che fa una valanga di gol“. L’allenatore di Grugliasco fece orecchie da mercante, non schierandolo mai da titolare se non nello sciagurato esordio di Champions League con il Trabzonspor. L’obiettivo di Gasperini era quello di recuperare Milito e di imporre il proprio credo calcistico. Quello dell’Inter, invece, è quello di vincere. Quindi, via Gasperini, ecco Ranieri. Fuori Milito, dentro il “Pazzo”. Risultato: 3 vittorie in 5 gare condite da tre gol del centravanti azzurro. E’ la “legge del Pazzo”.




Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl