L'inaspettata campagna di Russia

L’inaspettata campagna di Russia

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’Inter esce vittoriosa dalla campagna di Russia, che da ieri per i tifosi nerazzurri non è più solo la landa desolata in cui è emigrato il rimpianto Eto’o (presente prima in albergo e poi allo stadio) ma anche il luogo della rinascita. Dopo la ridicola sconfitta casalinga col Trabzonspor, l’Inter si rilancia al secondo posto nel girone alle spalle proprio dei turchi, fermati sul pari in casa col Lille.

A scendere in campo a Mosca è una squadra rimaneggiata, ma quadrata. Fin dall’antichità è sinonimo di perfezione e l’Inter del primo tempo la rasenta. Sia chiaro, non parliamo delle artistiche coreografie del Barça o della minuziosa infallibilità del Real; ma vista la quasi totale mancanza di qualità (eccetto quella che avrebbe dovuto dare un evanescente Alvarez) l’Inter fa fin troppo. L’uno-due di Lucio e Pazzini stordisce i russi, le cui trame sono belle ma inconcludenti. Solo nel finale di tempo il Cska passa su punizione, generata dall’ennesimo fallo inutile di Samuel.

Nella ripresa l’Inter orfana di Pazzini, evidentemente influenzata dalle strategie russe antinapoleoniche, si ritira sempre più all’interno dell’area di rigore facendo terra bruciata intorno a sé. A un certo punto i nerazzurri sono talmente arretrati che Vagner Love arriva a un passo dalla porta e uno stremato, e fino ad allora perfetto, Lucio non riesce ad evitare la cannonata del connazionale.

A quel punto arriva il protagonista che non ti aspetti. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa quel Maurito Zarate che ricorda tanto il Pierre Bezuchov di Tolstoj, che abbandona la dissolutezza per caricarsi il peso della famiglia sulle spalle. Così fa l’argentino, che su precisa imbeccata di Cambiasso, si prende la responsabilità di rilanciare i nerazzurri con una perla degna dei più preziosi gioielli dei Romanov. A Mosca è la vittoria dell’argentino. Anzi, degli argentini, tutti in campo nell’attacco russo a spada tratta del finale di gara, guidati da un Cambiasso solo lontano parente della copia sbiadita scesa in campo con Gasperini. Ma è anche la vittoria degli italiani, i soli due che bastano in questa rinata Inter: Pazzini e Ranieri. E a Krasic, ex del campionato russo, che in settimana aveva detto “I nerazzurri sono in crisi, con Ranieri non è cambiato molto”, consigliamo di vedere le partite di Champions League. Anche solo per vedere l’effetto che fa.

Giovanni Cassese

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy