Cronaca di un disastro annunciato

Cronaca di un disastro annunciato

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Cronaca di un disastro annunciato. Cronaca di decisioni prese tardi. Cronaca di decisioni che non dovevano essere mai prese. Cronaca di Novara-Inter. Cronaca della stagione nerazzurra.

La quarta sconfitta in cinque gare ufficiali segna l’addio a Gasperini, alla sua idea tattica e a molte intenzioni dirigenziali. In un viaggio dantesco a ritroso, i tifosi interisti sono passati dal paradiso di Madrid, attraverso il purgatorio Benitez-Leonardo, fino a questo inizio infernale. La stagione di rifondazione si è trasformata in un’annata di commemorazione dell’Inter che fu, ma che negli ultimi cinque anni non è stata. L’Inter non è più una big e non fa più paura neanche a un’umile neopromossa. La serata di ieri è stata quella del ribaltone, quella in cui i primi diventano ultimi e viceversa, quella in cui i migliori della classe si ritrovano con tutte insufficienze in pagella.

Ieri sera non si è salvato nessuno. Paradossalmente il migliore è stato Ranocchia, espulso ingiustamente nel finale per una difettosa legge del contrappasso. Gli altri tutti male: Zanetti e Cambiasso che non ne hanno più, Forlan e Milito che non centrano uno stop, Sneijder e Pazzini svogliati e stizziti, Lucio e Chivu che decidono autonomamente di giocare da esterni d’attacco. Male Gasperini che ha permesso tutto questo, senza sapersi imporre, e che non l’ha prevenuto fornendo la squadra degli schemi e gli assetti giusti. Male Branca e tutta la dirigenza che hanno permesso a un simil-esordiente di sedere su una panchina che, dopo Mourinho, pare essere un tempio sconsacrato. Male Moratti che non ha saputo vegliare sul mercato e non ha saputo difendere le sue scelte (o quelle di chi è stato deputato da lui a scegliere) nei momenti di difficoltà.

Novara può essere l’inizio della fine o la nascita di un nuovo progetto, al cui centro deve esserci una guida vera e carismatica. Che si scelga un Virgilio e non un poetucolo alle prime armi. I tifosi nerazzurri hanno voglia di tornar fuori “a riveder le stelle”.

Giovanni Cassese

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy