Inter tradita, via a gennaio: Inzaghi spiazzato

La notizia spiazza tutti: il calciatore nerazzurro potrà lasciare la causa nerazzurra nel mese di gennaio.

Simone Inzaghi, negli ultimi giorni, può fare tutto tranne che esultare. Nonostante le grandi soddisfazioni in campionato ed una buona Champions League, macchiata dall’ultimo pareggio contro la Real Sociedad che ha condannato la squadra nerazzurra al secondo posto nel girone, le ultime diverse notizie stanno facendo cambiare direzione ad allenatore e società.

L’operazione al tendine d’Achille di Cuadrado gli costerà l’intera stagione e ciò ha fatto sì che i dirigenti Ausilio e Marotta tornassero sul mercato per accaparrarsi già a gennaio un esterno che possa affiancare Dumfries. Tra i principali indiziati ci sono Meunier del Borussia Dortmund e Buchanan del Bruges.

A scuotere una situazione già complicata, nelle ultime ore, è la richiesta di una Nazionale africana che vuole convincere un calciatore dell’Inter a disputare l’imminente Coppa d’Africa. A svolgere quest’opera di tentazione e convincimento è il presidente federale del Camerun: Samuel Eto’o.

Eto’o tenta l’interista: la scelta può mettere nei guai Inzaghi

Samuel Eto’o ha l’interesse di far trionfare di nuovo, a sei anni di stanza, il suo Camerun in Coppa d’Africa dopo la figura pessima negli ultimi Mondiali giocati in Qatar, lo scorso anno. Per questa ragione l’ex centravanti dell’Inter sta cercando di regalare al CT Rigobert Song un difensore che possa aver già avuto una buona esperienza e un grande potenziale per il futuro.

Stiamo parlando di Yann-Aurel Bisseck. L’ex difensore dell’Aarhus è nato in Germania da genitori camerunensi, precisamente a Colonia e ha giocato per tutte le giovanili della Nazionale Tedesca. Ha vissuto la sua vita in giro per l’Europa trasferendosi in Olanda, Portogallo, Danimarca ed ora Italia.

Bisseck-Camerun: il difensore può partire per la Coppa d'Africa
Bisseck-Camerun: il difensore può partire per la Coppa d’Africa (LAPRESSE) – SpazioInter.it

Ciò che Eto’o sta facendo è, chiaramente, legittimo poichè un calciatore, come nel caso di Bisseck, ha possibilità di giocare con una nazionale diversa da quella con cui ha giocato nelle giovanili, ma una volta accettata la prima convocazione non può più tornare sui suoi passi. Un qualcosa di comune anche per la nostra Nazionale dopo gli inserimenti degli italo-brasiliani Jorginho, Emerson e Toloi e più recentemente dell’italo-argentino Retegui.

Una scelta difficile ma che potrebbe ritorcersi su Inzaghi e l’Inter. I nerazzurri, infatti, hanno già avuto diversi problemi in difesa con gli infortuni di Bastoni, Darmian e Pavard e una possibile partenza del centrale può complicare ancor di più la situazione in quel di Milano.

 

Impostazioni privacy