Sei qui: Home » Calciomercato Inter » Inter, doppio colpo dal Valencia: potrebbero arrivare già a gennaio!

Inter, doppio colpo dal Valencia: potrebbero arrivare già a gennaio!

La lunga sosta per i Mondiali sarà l’occasione per i dirigenti nerazzurri di portarsi avanti con il lavoro in vista del mercato invernale. L’obiettivo di Marotta e Ausilio è potenziare la rosa di Inzaghi in prospettiva presente e futura.

L’Inter sembra, infatti voler imboccare la strada della sostenibilità economica, senza rinunciare alla competitività. Per questo motivo, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, gli occhi della società nerazzurra sono puntati su profili giovani e promettenti.

Ausilio si muove per Musah

Il primo nome che stuzzica la fantasia della dirigenza nerazzurra è quello di Yunus Musah, talento del Valencia classe 2002. Il centrocampista sarà impegnato in questo mese con la nazionale degli Stati Uniti in Qatar, una vetrina importante per ogni calciatore.

Proprio per questo motivo, l’Inter punta a battere sul tempo la concorrenza, trovando un accordo con la società spagnola. La richiesta di partenza oscilla intorno ai 20 milioni di euro, ma il Valencia sembra essere disposto ad accettare un prestito con obbligo di riscatto nel giugno 2023.

LEGGI ANCHE:  Si scalda l'asse Inter-Empoli, un giovane azzurro nel mirino dei nerazzurri

Fari puntati anche su Jesus Vazquez

Riguardo la fascia sinistra, continua tenere banco la situazione legata al futuro di Gosens. Il tedesco è ormai diventato la riserva di Dimarco e potrebbe chiedere di cambiare aria a gennaio, Qualora arrivasse una richiesta soddisfacente per lui, l’Inter avrebbe identificato come sostituto Jesus Vazquez.

Il laterale mancino, classe 2003, è chiuso da Gaya al Valencia e avrebbe ricevuto una promessa dalla società negli scorsi mesi. Il giocatore, infatti, avrebbe la possibilità di cambiare aria se arrivasse una proposta congrua al club. Anche in questo caso, la formula giusta per il trasferimento sarebbe quella del prestito, a cifre più contenute rispetto a Musah.

FEDERICO LUIGI DI MINGO