Ranieri: "Ho lavorato tanto per sistemare l'Inter"

Ranieri: “Ho lavorato tanto per sistemare l’Inter”


Milano è una gran bella città, una città che lavora, mi piace. Parlano del traffico caotico, ma io ho sempre vissuto nelle metropoli: Roma, Londra, Valencia, Madrid”. Parte da qui Claudio Ranieri per raccontare – in un’intervista esclusiva concessa ai microfoni di Antonio Bartolomucci per Mediaset Premium – un cammino, una carriera, un destino che oggi lo ha portato all’Inter.

“Ho lasciato Roma giovanissimo – prosegue l’allenatore nerazzurro -, ho girato l’Europa e questo mi ha dato moltissimo. Se mi chiedete il motivo dell’affetto immediato dei tifosi nerazzurri nei miei confronti posso solo pensare che sia piaciuto il mio spirito di lavoratore: mi sono messo a testa bassa per sistemare l’Inter. Ho un carattere marcato, dico quello che penso, con il passare degli anni i difetti sono anche peggiorati… Io all’Inter sono arrivato in un momento particolare, ho trovato una squadra sott’acqua, ma anche volontà e senso di appartenza, non ci stavo a sentire dire che questi giocatori erano vecchi e saggi, ero sereno anche nelle sconfitte perchè vedevo come lavoravano.

Un gruppo quello nerazzurro che ha accolto Ranieri, lo stesso che oggi sorride sentendo parlare di clan all’Inter perchè “se i clan sono formati da quei giocatori che arrivano prima all’allenamento e sono gli ultimi ad andare via, allora io sono il capo dei clan… “. Sulla professione dell’allenatore, Ranieri prosegue spiegando che “la bravura del calcio italiano è spiegata anche dai colleghi che lavorano all’estero, la scuola di Coverciano è conosciuta in tutto il mondo e poi c’è l’Università del campionato, se hai fatto bene qui puoi fare bene ovunque.

Il mister riserva poi parole al miele per Wesley Sneijder: “E’ il nostro fiore all’occhiello, deve darci il 120 per cento, non deve essere uno della rosa, ma il nostro condottiero, quello che ci prende per mano e ci porta lontano. Se lo farà anche nel derby per dare la vittoria all’Inter? Non credo che possano esistere favorito nel derby, il derby azzera tutto, bisogna solo prepararlo bene e viverlo meglio in campo”.

Infine, Ranieri racconta il suo incontro con il presidente Moratti: “L’ho conosciuto nel momento più difficile per la sua squadra, ma l’ho trovato pacato e stimolato, però lo conosco solo da 100 giorni, sono stati intensi, ma ancora pochi. Se ho sentito Mourinho? Ci siamo scritti qualche sms, quando le cose andavano male mi diceva che la squadra sarebbe venuta fuori. Ho detto ai mei calciatori ‘siamo in forte ritardo, ma io penso sempre al massimo’. Se non sei ambizioso non arrivi mai in alto e neppure vicino.

Fonte: inter.it

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl