Primavera: sconfitta all'ultimo respiro contro il Chievo

Primavera: sconfitta all’ultimo respiro contro il Chievo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo l’ottima vittoria a Vicenza della settimana scorsa, si ferma la marcia dell’Inter Primavera nella partita contro il Chievo Verona valida per la decima giornata del campionato di categoria. Una sconfitta immeritata, maturata negli ultimi secondi di gioco dopo oltre sessanta minuti in inferiorità numerica per l’espulsione dell’estremo difensore Tornaghi.

Mister Stramaccioni deve fare a meno dell’italobrasiliano Daniel Bessa e lancia il classe ’94 Garritano sulla trequarti alle spalle di Samuele Longo e Terrani. In difesa, davanti a Tornaghi, agiscono Pecorini, Bianchetti, Kysela e Alborno con Crisetig a dettare i tempi a centrocampo affiancato da Benassi e da Duncan.

La formazione nerazzurra parte forte ma sono gli scaligeri a costruire la prima vera occasione da rete col ghanese Ekuban al 17′ che da buona posizione calcia di poco alto sopra la traversa. Al 29′ l’episodio che cambia l’andamento del match. Tornaghi controlla il pallone con le mani fuori dall’area di rigore in una situazione apparentemente tranquilla. L’arbitro è fiscale ed estrae il cartellino rosso. Per fare posto al secondo portiere Cincilla, è costretto a lasciare il campo Garritano, autore di una buona prestazione fino a quel momento. L’Inter è comunque ben disposta in campo e sul finire della prima frazione con Longo sfiora il vantaggio.

La ripresa fila liscia senza particolari emozioni con la squadra interista che controlla le timide avanzate del Chievo che, soddisfatto del pareggio, preferisce aspettare nella propria metà di campo nonostante l’uomo in più. I nerazzurri allora provano ad osare e mettono in scena un vero e proprio forcing negli ultimi quindici minuti. Le occasioni fioccano ma è sempre bravo il portiere gialloblu Coletta a sventare ogni minaccia. Miracoloso il suo intervento nel secondo minuto di recupero su Longo, dopo un’ottima azione individuale di Alborno. L’Inter si riversa in avanti ed al 94′ il brasiliano Da Silva in contropiede punisce la retroguardia interista decidendo la gara a pochi attimi dal triplice fischio finale dell’arbitro.

Nonostante il risultato negativo l’allenatore Stramaccioni può comunque dirsi soddisfatto per la prestazione coraggiosa dei suoi ragazzi. Il prossimo appuntamento della Primavera è ora fissato per mercoledì 23 novembre quando in Toscana contro la Fiorentina verrà disputato il ritorno degli ottavi di finale di Tim Cup (0-0 il risultato della partita d’andata, ndr).

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy