• UFFICIALE – Ecco i convocati di Prandelli per l’amichevole contro la Spagna

    UFFICIALE – Ecco i convocati di Prandelli per l’amichevole contro la Spagna

    Ecco la lista dei convocati di Cesare Prandelli per l’amichevole di mercoledì prossimo contro la Spagna. Portieri: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain) Difensori: Abate (Milan), Astori (Cagliari), Barzagli (Juventus), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Criscito (Zenit San Pietroburgo), De Sciglio (Milan), Maggio (Napoli), Paletta (Parma) Centrocampisti: Candreva (Lazio), Giaccherini (Sunderland), Marchisio (Juventus), Montolivo (Milan), Thiago Motta (Paris Saint Germain), Parolo (Parma), Pirlo (Juventus), Verratti (Paris Saint Germain) Attaccanti: Cerci (Torino), Destro (Roma), Gilardino (Genoa), Immobile (Torino), Insigne (Napoli), Osvaldo (Juventus).    

    continue reading »

     
     
  • Milito torna in campo per l’addio al calcio del fratello Gabi

    Milito torna in campo per l’addio al calcio del fratello Gabi

    Milito torna in campo. Una frase che fa sorridere i tifosi nerazzurri, ma non troppo. L’attaccante argentino infatti ha partecipato, nello stadio dell’Independiente, all’amichevole per il fratello Gabi, il quale ha dato così l’addio al calcio. Un’amichevole con pochi spunti, visti i ritmi da Subbuteo che hanno portato alla vittoria per 3-1 dell’«Independiente 2002» contro gli «Amici di Milito». Quarantacinque minuti in campo, con l’augurio che il 2014 gli restituisca salute e gol. Fonte: Gazzetta dello Sport

    continue reading »

     
     
  • Inter-Chiasso 0-1, nerazzurri beffati in extremis. Mazzarri perde Samuel ma ritrova Campagnaro

    Inter-Chiasso 0-1, nerazzurri beffati in extremis. Mazzarri perde Samuel ma ritrova Campagnaro

    INTER vs CHIASSO 0-1 Marcatori: 89′ Becchio (C) INTER (3-5-2): 30 Carrizo (46′ Castellazzi 12); 6 Andreolli (73′ Donkor 54), 25 Samuel (24′ Rolando 35), 5 Juan Jesus (61′ Campagnaro 14); 18 Wallace, 17 Kuzmanovic (32′ Olsen 90), 16 Mudingayi, 19 Cambiasso (73′ Mariga 77), 4 Zanetti (60′ Jonathan 2); 55 Ventre (73′ Kamara 13), 31 Puscas (61′ Bonazzoli 11). A disposizione: 12 Castellazzi, 21 Tassi. Allenatore: Walter Mazzarri. CHIASSO (4-4-1-1): 1 Cappelletti, (45′ Martinazzo 18 (71′ Conti 30)); 19 Felitti (40′ Di Carlo 26), 2 Adailton, 15 Reclari, 23 Quaresima; 27 Sergi (58′ Desole 31), 4 R. Riva (75′ C. Riva 21), 14 Facchinetti (46′ Adao Joaquin 22) , 11 Mihajlovic (45′ Yerly 12); 10 Magnetti (46′ Berisha 13, 75′ Becchio 7); 32 Ciarrocchi (58′ Varvelli 9). A disposizione: 24 Peralta, 16 Travagli. Allenatore: Ryszard Komornicki Arbitro: Davide Curti di Milano. CRONACA: 90′ + 1′ - FISCHIO FINALE  L’Inter esce sconfitta dall’amichevole contro il Chiasso: decide a pochi minuti dalla fine il gol di Becchio. 89′ – GOL CHIASSO Contropiede della squadra elvetica: il pallone parte dalla fascia destra e, dopo una carambola, Becchio insacca a pochi passi dalla porta. 86′ – Prova la soluzione da fuori Patrick Olsen, ma il pallone arriva lentamente tra le braccia di Conti. 84′ – I nerazzurri si affidano spesso alle cavalcate di Jonathan che prova a sfondare sulla fascia destra. 83′ – Olsen prova il passaggio filtrante per Kamara. Attenta la lettura della difesa. 80′ –  Reti inviolate, quando mancano dieci minuti al triplice fischio. 78′ – Apertura intelligente di Rolando che trova Jonathan libero sulla fascia destra. Sul cross del brasiliano, arriva leggermente in ritardo Bonazzoli. 73′ – Ancora tre cambi in casa Inter: fuori Andreolli, Cambiasso, e Ventre; dentro Donkor, Mariga e Kamara. 70′ – Cambiasso prova il tiro senza sortire risultato. Sugli sviluppi dell’azione Bonazzoli cerca la via del gol da posizione vantaggiosa, ma il pallone fa la barba al palo. 68′ – Dopo la battuta dalla bandierina, la retroguardia elvetica rinvia il pallone sui piedi di Mudingayi. Il suo tiro ribattuto innesca una mischia in area di rigore. 67′ – Jonathan appoggia il pallone a Olsen. Il danese prova ad arrivare sul fondo e ottiene l’ennesimo calcio d’angolo. 65′ – La velenosa punizione di Berisha trova il pronto riflesso di Castellazzi, impegnatosi in presa bassa. 64′ – Con l’ingresso in campo di Jonathan, Wallace si sposta sulla fascia sinistra 61′ – La pronta uscita di Castellazzi salva il risultato ancora inchiodato sullo 0-0. 60′ – Triplice  cambio per l’Inter. Esce Puscas per Bonazzoli e Campagnaro prende il posto di Juan. Infine Jonathan rileva Zanetti. 59′ – Cambiasso batte una punizione dalla fascia destra. Il traversone viene smanacciato efficacemente dal portiere del Chiasso. 58′ – Mudingayi apre per Wallace che non trova lo spazio necessario per crossare 56′ – Poche emozioni in campo e scarsa precisione tra le fila della squadra meneghina. 53′ – Il copione della partita non subisce modifica alcuna. I nerazzurri provano a gestire il pallone nella parte centrale del campo e il Chiasso aspetta di sorprendere l’Inter in contropiede. 50′ – Adailton si spaventa per l’arrivo arrembante di Ventre e spedisce il pallone in calcio d’angolo. 49′ – Calcio di punizione per il Chiasso. Il tiro sbilenco finisce lontano dal bersaglio grosso. 47′ – Quaresima lancia Ciarrocchi che fa partire il diagonale: il portiere interista non si fa sorprendere sul proprio palo. 46′ – Zanetti crossa e Puscas ci prova di testa. Tiro centrale, però, per il giovane attaccante nerazzurro. 45′ – Comincia il secondo tempo tra i cori assordanti per il Capitano Zanetti. 45′ – FINE PRIMO TEMPO Il fischio dell’arbitro decreta la fine della prima frazione di gioco. 44′ – Puscas non riesce a coordinarsi sul passaggio lungo di Wallace. 42′ – Wallace, il più propositivo tra i suoi, si beve l’avversario e mette in area l’ennesimo traversone. A Cambiasso, però, non riesce l’impatto con la palla e manca la deviazione vincente. 40′ – Il fraseggio nerazzurro si conclude con il cross di Wallace, deviato in calcio d’angolo. 35′ – Mihajlovic controlla il pallone al limite dell’area di rigore nerazzurra e serve un liberissimo Ciarrocchi. Il suo diagonale incontra la presa sicura di Carrizo. 34′ – Wallace entra in area di rigore e viene atterrato: l’arbitro fa segno di continuare. 32′ – Olsen rileva Kuzmanovic: il serbo viene sostituito dopo aver ricevuto un pestone. Mazzarri decide di non rischiarlo. 31′ – L’Inter prova ad attaccare dalla sinistra. Cross in mezzo e Capelletti respinge il pallone in presa bassa: nessun interista pronto per la deviazione in rete. 30′ – Tiro-cross per gli svizzeri che non sorprende un attento Carrizo. 25′ – Giro palla e poco più per l’Inter fino a questo momento. 23′ – Cambio per Walter Samuel, sostituito da Rolando. Nessun cambio tattico per Walter Mazzarri, preoccupato dalle condizioni dell’argentino. 20′ – Punizione per il Chiasso. Si incarica dell’esecuzione Facchinetti che cerca la via del gol dai 25 metri. Nessun pericolo per la porta nerazzurra. 18′ – Puscas prova a sfondare centralmente per tagliare in due la difesa avversaria, ma perde ingenuamente il pallone. 16′ – Riparte il Chiasso che cerca di innescare il contropiede. Il traversone viene, però, intercettato da Zanetti che, di testa, manda il pallone in calcio d’angolo. 14′ – Cambiasso serve Ventre sulla fascia sinistra. Il giocatore si destreggia in area di rigore e prova il tiro, ribattuto dalla retroguardia della formazione elvetica. 13′ – Per il Chiasso, Mihajlovic prova ad attaccare dalla destra, ma Juan e Cambiasso fanno ottima guardia alla porta difesa da Carrizo. 12′ – Partita che stenta a decollare: poche occasioni da gol e ritmi blandi. 9′ – Assoluto predominio territoriale per Zanetti e compagni, ma manca incisività nelle azioni d’attacco. 8′ – Calcio di punizione per i nerazzurri. Traversone di Kuzmanovic e colpo di testa di Walter Samuel: manca, però, la precisione. 5′ – Pressing alto per la squadra di Mazzarri che porta gli avversari a perdere il possesso. L’azione si chiude con un tiro di Kuzmanovic, che impensierisce il portiere avversario ma finisce di poco a lato. 4′- Juan recupera un pallone prezioso a centrocampo e innesca la corsa di Wallace che prova ad entrare in area di rigore ubriacando con le sue finte l’avversario. Niente di fatto per il brasiliano. 2′- Zanetti sulla fascia sinistra prova a mettere in mezzo, ma la difesa della squadra svizzera intercetta facilmente il pallone. 1′ - FISCHIO D’INIZIO Il direttore di gara Davide Curti dà inizio alle ostilità. L’Inter attaccherà da destra verso sinistra. QUI INTER Prima partita da Presidente dell’Inter per Erick Thohir, acclamato dai tifosi sugli spalti. Ritorno in campo dal primo minuto per Zanetti, mentre occasioni importanti concesse ai giovani Ventre, Puskas e Wallace cui spetterà il compito di mettersi in mostra davanti allo sguardo attento di Walter Mazzarri.    

    continue reading »

     
     
  • Thohir: “Entusiasmo sia in Italia che in Indonesia. Non sono un buon giocatore ma…”

    Thohir: “Entusiasmo sia in Italia che in Indonesia. Non sono un buon giocatore ma…”

    Ecco le dichiarazioni rilasciate da Erick Thohir a Inter Channel prima dell’amichevole contro il Chiasso, in un’intervista realizzata da Roberto Scarpini. Quali reazioni ci sono state in Indonesia dopo l’importante giornata di ieri? “C’è stato un entusiasmo travolgente in Indonesia, un sacco di risposte positive, non solo dai siti internet ma anche dai social media. Quanto successo è argomento di tendenza su twitter sia in Italia sia in Indonesia quindi si è costituita una buona relazione tra i due paesi, ma anche tra i tifosi”. A Lei che conosce molto bene il mondo dei media, chiedo quale sarà il rapporto dell’Inter di Thohir con i media e che tipo di ruolo potrà avere Inter Channel? “I media giocano un ruolo molto importante nel business, per promuovere e attrarre tifosi, soprattutto se abbiamo contenuti forti. E’ molto importante curare l’aspetto media. Ho sempre creduto che Inter Channel debba essere un prodotto globale ma bisogna farlo nella maniera giusta. Perché i tifosi nerazzurri hanno esigenze differenti, in Italia, in Indonesia, negli Stati Uniti. Dobbiamo avere un buon piano per far crescere Inter Channel nel mondo. Credo che sia importante rendere il canale tanto importante quanto l’Inter stessa, che dia al mondo informazioni vicine alla squadra per connettere i tifosi alla squadra, all’allenatore, al club. Non ci sono tanti paesi così famosi come l’Italia nel mondo, solo pochi: Stati Uniti, Italia, Francia per esempio. L’Italia conosciuta per il cibo, per il calcio, per il lifestyle. Non è solo un paese… Questo aspetto avrà un ruolo molto importante nel futuro ma dovremo pianificarlo”. Mazzarri la farà entrare in campo oggi in amichevole? “Non sono un buon giocatore di calcio… ma sono un buon manager! (sorride, ndr)“.   Fonte: inter.it

    continue reading »

     
     
  • Campagnaro e Milito si allenano a parte. Sabato amichevole con il Chiasso ad Appiano

    Campagnaro e Milito si allenano a parte. Sabato amichevole con il Chiasso ad Appiano

    Dopo l’importante vittoria ottenuta sabato sera sul Livorno di Davide Nicola, che ha permesso ai nerazzurri di ridurre il gap dal terzo posto, gli uomini di Walter Mazzarri sono tornati in campo nel pomeriggio per sostenere il primo allenamento della settimana. Il tecnico toscano deve fare i conti con le assenze dei dieci nazionali convocati dalle rispettive selezioni (Handanovic, Ranocchia, Nagatomo, Pereira, Guarin, Kovacic, Taider, Belfodil, Alvarez, Palacio) ma può sorridere per essere riuscito a trattenere Hugo Campagnaro: il difensore argentino, d’accordo con la Federazione Argentina, non ha risposto alla convocazione di Alejandro Sabella e proseguirà il suo lavoro di recupero ad Appiano per smaltire i postumi della lesione al retto femorale della coscia destra. L’ex Napoli ha svolto oggi una seduta differenziata insieme a Diego Milito, mentre si è allenato regolarmente con i compagni Jonathan, uscito malconcio dalla sfida contro gli amaranto. Intanto, sfruttando la sosta, la società ha organizzato un’amichevole per sabato 16 novembre contro il Chiasso (calcio d’inizio alle ore 14.30 al centro sportivo “Angelo Moratti”): un’occasione utile per consentire ai giocatori meno utilizzati di ritrovare il ritmo partita e, forse, per la prima uscita ufficiale di Erick Thohir da azionista di maggioranza del club.    

    continue reading »

     
     
  • Amichevole amara per la Primavera di Cerrone: Inter sconfitta 3-0 dal Torino

    Amichevole amara per la Primavera di Cerrone: Inter sconfitta 3-0 dal Torino

    Amichevole di prestigio nella giornata di oggi per la Primavera dell’Inter che a Bovisio Masciago ha affrontato i pari età del Torino allenati da Moreno Longo. Mister Cerrone per l’occasione ripropone il 4-2-3-1 con Maniero tra i pali, Longo ed Eguelfi terzini rispettivamente a destra e a sinistra con al centro Paramatti ed il classe 1996 Pinton. Davanti alla difesa Tassi e Gaiola (altro ’96, ndr) e Camara, Capello e Ventre sulla trequarti alle spalle della prima punta Colombi. Il Torino parte fortissimo e già al 4′ del primo tempo passa in vantaggio. Sugli sviluppi di un corner la palla carambola nei piedi dell’attaccante ghanese Gyasi che insacca senza problemi alle spalle di Maniero. L’Inter prova a reagire ma il Torino tiene bene in difesa ed è sempre pericoloso in zona d’attacco. Prima all’11′ sfiora la rete del raddoppio l’ex interista Moreo direttamente da calcio d’angolo e poi la trova al 20′ ancora con Gyasi che dopo una poderosa progressione trova Maniero sulla sua strada sulla prima conclusione ma è abile a concludere nuovamente verso la porta oramai sguarnita. I ragazzi di Cerrone non riescono a controbattere con efficacia alle sfuriate dei granata che sono abili a ripartire in ripartenza e al 38′ trovano anche la rete del 3-0 con Aramu ben servito in profondità dall’immarcabile Gyasi. Termina sostanzialmente qui la prima frazione di gioco con un Torino scintillante ed un’Inter in difficoltà come mai in questa stagione. Alla ripresa del gioco è un’Inter trasformata che prova, riuscendoci, a mettere alle corde il Toro. Al 48′ punizione da posizione favorevole per Tassi che spara però di poco alto sopra la traversa. I nerazzurri premono e la partita diviene tesa e cattiva con il gioco si fa vieppiù spezzettato soprattutto per ‘merito’ dei giocatori granata che tentano di difendere con le unghie il triplo vantaggio ed impedire agli interisti di riaprire il match. Tra il 72′ ed il 75′ l’Inter ha effettivamente la possibilità di rientrare in partita ma il colpo di testa del neo entrato Ntchama sfila via di un soffio a lato e successivamente non riesce a realizzare un calcio di rigore (palla alta sopra la traversa, ndr). Lo spartito del match non cambia nel finale con l’Inter a spingere e il Toro a difendere in un clima tutt’altro da amichevole. L’ultima occasione per i nerazzurri capirà suo piedi di Ventre al 92′ ma l’estremo difensore del Torino Gilardi si fa trovare pronto e sventa la minaccia con un intervento miracoloso. Dopo il terzo minuto di recupero l’arbitro sancisce la fine delle ostilità. Una giornata no per la Primavera di Cerrone contro una diretta concorrente per lo Scudetto di categoria. Questo passo falso non deve peró cancellare quanto di buono e promettente fatto dai ragazzi nerazzurri in questo primo mese e mezzo di stagione.

    continue reading »

     
     
  • Samuel rialza il muro: contro il Locarno è apparso in buona forma e ora Mazzarri…

    Samuel rialza il muro: contro il Locarno è apparso in buona forma e ora Mazzarri…

    Nel test amichevole di ieri pomeriggio disputato ad Appiano Gentile e vinto dall’Inter per 3-0 sul Locarno grazie alle reti di Belfodil, Olsen e Samuel, Walter Mazzarri ha avuto l’occasione di dare spazio a quei giocatori che fin qui hanno trascorso più tempo tra panchina e tribuna piuttosto che in campo. Da alcuni di questi, l’allenatore toscano ha ricevuto risposte confortanti in vista della ripresa del campionato che vedrà, nel prossimo week end, i nerazzurri impegnati sul campo del Torino. Tra le note liete della partita contro gli svizzeri, c’è sicuramente quella rappresentata da Walter Samuel. Il difensore argentino, reduce da un infortunio, è apparso in buona condizione, anche se l’avversario non rappresentava certo un test attendibile. The Wall però, ha guidato bene la difesa coadiuvato da Andreolli e Donkor, mostrandosi in netta crescita dopo un inizio di stagione travagliato. L’ex centrale di Roma e Real Madrid ha trovato il gol che ha fissato il risultato sul definitivo 3-0, dimostrando di non aver perso nemmeno quella cattiveria che lo ha sempre contraddistinto anche nell’area avversaria. Lo stesso Walter Mazzarri, al termine dell’amichevole, ha avuto parole di elogio per Samuel: “Sono stati novanta minuti importanti soprattutto per chi ha giocato meno finora. Ho avuto indicazioni positive da Samuel e Mudingayi, ormai pronti per dare il loro contributo. Walter comincia a star bene davvero e anche Mudi sta ritrovando la forma migliore. Sono contento perchè il campionato è lungo e avremo bisogno di tutti”. In questo primo scorcio di stagione la difesa nerazzurra, debacle casalinga contro la Roma a parte, si è sempre ben comportata. Il terzetto formato da Campagnaro, Ranocchia e Juan Jesus ha fornito le giuste garanzie a una squadra che appare più equilibrata e rocciosa rispetto agli ultimi anni. Il rientro di un giocatore come Samuel non potrà che giovare ad una retroguardia che, da questo momento, potrà tornare a contare anche sull’apporto di The Wall.

    continue reading »

     
     
  • Donkor: “Bello giocare con questi campioni, spero di avere altre occasioni. Con Samuel…”

    Donkor: “Bello giocare con questi campioni, spero di avere altre occasioni. Con Samuel…”

    “Sono veramente contento di poter giocare con questi grandi campioni, è per me un’emozione indescrivibile. E’ stata una bella partita e sono contento di essere qua e spero di poter avere qualche altra occasione per poter dimostrare quello che valgo – queste le prime parole pronunciate da Isaac Donkor, al termine dell’amichevole vinta dall’Inter contro il Locarno . “Com’è giocare con Walter Samuel? Lui è davvero bravo. Quando gli giochi accanto sei concentrato e ti dà sempre dei consigli. È un grande aiuto perchè da lui puoi imparare tante cose. La cosa più difficile giocando tra i professionisti? Mantenere sempre la giusta concentrazione. Perchè basta che si abbassi un attimo e si può commettere un errore e per un difensore spesso significa prendere gol. Devi sempre cercare di arrivare per primo su ogni pallone, tanto in prima squadra, quanto in Primavera”.   Fonte: inter.it

    continue reading »

     
     
  • VIDEO: Inter-Locarno 3-0, ecco gli highlights del match

    VIDEO: Inter-Locarno 3-0, ecco gli highlights del match

      Grazie alle reti di Ishak Belfodil (2′, rig.), Patrick Olsen (62′) e Walter Samuel (66′), l’Inter ha superato il Locarno nell’amichevole disputata ieri al centro sportivo “Angelo Moratti”. Ecco le azioni salienti del match… VIDEO:

    continue reading »

     
     
  • Mudingayi: “Mi sono sentito bene, ho lavorato tanto per tornare. Il nostro è un gruppo in cui tutti…”

    Mudingayi: “Mi sono sentito bene, ho lavorato tanto per tornare. Il nostro è un gruppo in cui tutti…”

    Il test con il Locarno, squadra di seconda divisione svizzera, è stato utile per concedere minuti a chi finora ha trovato poco spazio: da Andreolli a Wallace, da Samuel fino a Mudingayi, tutti oggi hanno avuto la possibilità di mettersi in mostra agli occhi di mister Mazzarri. Proprio Mundingayi oggi ha disputato tutti i 90 minuti con la prima squadra, dopo i due test con la Primavera. Il belga si dice soddisfatto della sua prova, come dichiarato ai microfoni di Sky Sport: “Questa amichevole per me era molto importante e anche per tutti quelli che hanno giocato di meno o che tornavano da un infortunio. Mi sono sentito bene. Solamente alla fine sentivo un po’ di stanchezza. Però, devo dire, è normale perchè è da tanto che non giocavo più, ma mi sono sempre allenato bene e ho potuto essere a posto. Oggi veramente serviva e sono contento”. Il grave infortunio subito lo scorso inverno contro il Torino è ormai alle spalle: “Ho sempre pensato al giorno del rientro e ho lavorato tanto per tornare in campo. Quando vedevo i miei compagni giocare e non potere dargli una mano, è sempre stata una cosa che mi faceva stare male. Adesso sono contento. Poi che sia accaduto a Torino è stato un caso. Non ci penso. L’importante è stare con la squadra e andare lì per disputare una grande gara”. L’ex centrocampista del Bologna spiega anche come la squadra sia unita e voglia riscattare le ultime due annate deludenti: “La cosa che ho notato di più è che tutti hanno voglia di fare qualcosa di importante. Tutti sanno di essere all’Inter. L’Inter è una squadra grande e bisogna dare il massimo e poi si vedrà. La cosa che ho notato è che tutti vogliono fare bene. Tutti quanti vogliono sudare per questa maglia. Quando uno si impegna al massimo i risultati arrivano sempre. Noi pensiamo sempre e solo alla partita successiva, cercando di vedere quello che non è stato fatto bene per potere andare in campo più sicuri facendo le cose che sappiamo fare. Tutta la squadra pensa alla partita successiva. Abbiamo la testa al Torino per poter andare a disputare una grande gara”. Mudingayi spiega anche come mister Mazzarri parli costantemente con ognuno dei giocatori, al fine di avere sempre uomini pronti e motivati: “Lui non lascia nessuno fuori. Quando uno viene chiamato in causa deve sempre sapere cosa fare. Quindi io lavoro sempre con la squadra e so che quando sarà il mio momento mi darà più indicazioni. Noi lavoriamo sempre allo stesso modo. Chi gioca dall’inizio e chi entra in campo successivamente”. Infine, una battuta su Thohir: “Sinceramente penso molto alla squadra. Penso molto a ritornare al cento per cento. Penso molto a quello che riguarda la squadra. Le vicende della società spettano a chi è più competente. Noi dobbiamo pensare solamente al campo, a fare bene. Poi il resto si vedrà”.   Fonte: inter.it

    continue reading »