• Obi: “Ci aspettano test importanti, vogliamo capire a che livello siamo. Giocheremo senza paura, poi…”

    Obi: “Ci aspettano test importanti, vogliamo capire a che livello siamo. Giocheremo senza paura, poi…”

    Tra poco più di ventiquattro ore l’Inter farà il suo esordio nella Guinness International Champions Cup, affrontando i campioni d’Europa in carica del Real Madrid. Un test spettacolare e importante per la squadra di Walter Mazzarri che, dopo aver scaldato i motori con due amichevoli di tono minore contro il Trentino Team e il Prato, è attesa atteso da sfide dall’altissimo coefficiente di difficoltà. Proprio di questo ha parlato Joel Obi ai microfoni di Inter Channel: “A questo punto del precampionato è fondamentale giocare partite così, anche per capire a che livello siamo rispetto ai top club europei. Per noi sarà un test importante, ma cercheremo di giocarcela senza paura, impostando il nostro gioco. Poi vedremo come andrà a finire…”.      

    continue reading »

     
     
  • Icardi: “Mazzarri vuole una squadra affamata, non molleremo niente. Con Kovacic…”

    Icardi: “Mazzarri vuole una squadra affamata, non molleremo niente. Con Kovacic…”

    “Vogliamo tutto”, parole e musica di Mauro Icardi. Intervistato da Inter Channel prima della partenza per la tournée statunitense, il numero 9 nerazzurro ha dimostrato di essere carico in vista della nuova stagione: “Vogliamo vincere tutto. Alla fine tireremo le somme, non si molla di un centimetro. Mazzarri vuole una squadra affamata, è una sua caratteristica. Lavora sia a livello fisico per andare più forte degli altri sia a livello caratteriale”. Durante il ritiro di Pinzolo, il giovane attaccante di Rosario è stato uno dei più acclamati dal pubblico interista. I tifosi hanno molta fiducia nelle sue qualità ma Maurito sembra reggere bene la pressione e le responsabilità: “Non sento la pressione per segnare, la punta deve fare gol ed è normale che i tifosi chiedano questo. Ognuno ha le proprie responsabilità, come difensori e centrocampisti. Il calcio è fatto di gol e quello spetta a noi attaccanti”. Al suo primo campionato in maglia nerazzurra, l’attaccante argentino è stato costretto a saltare un discreto numero di partite a causa della pubalgia che lo ha tenuto fermo ai box per quasi tutta la prima parte di stagione. Quando è sceso in campo, però, Icardi ha subito dimostrato le sue qualità. Questo dovrà essere l’anno della consacrazione definitiva. Toccherà a lui e a Kovacic il compito di riportare l’Inter ai vertici: “Con Mateo c’è intesa totale. Lui appena vede un mio movimento mi serve alla perfezione e, per me, è tutto molto più semplice”. Thohir e la dirigenza lo hanno dichiarato incedibile, nonostante offerte importanti, dimostrando che il club punta fortissimo sul suo talento. Starà a lui ripagare la fiducia della società e ripercorrere le orme dei grandi bomber della storia nerazzurra.

    continue reading »

     
     
  • CALCIOMERCATO/ Inter-Campagnaro ai titoli di coda: il futuro del difensore argentino…

    CALCIOMERCATO/ Inter-Campagnaro ai titoli di coda: il futuro del difensore argentino…

    Colpo di fulmine? Amore a prima vista? Non proprio. Il rapporto che lega l’Inter e Hugo Campagnaro pare essere arrivato ai titoli di coda, dopo un unico anno di convivenza. Eppure le premesse sembravano condurre ad una conclusione ben diversa. La presenza di Mazzarri sulla panchina nerazzurra avrebbe potuto facilitare l’ambientamento dell’ex Napoli e farne un punto fisso dell’undici titolare, ma così non è stato. Le prime partite della scorsa stagione erano state utili ad esaltare, ancora una volta, la combattività e la leadership difensiva dell’argentino, confermando la bontà dell’acquisto (a parametro zero ndr). Poi, un decrescendo lento ed inesorabile. Qualcosa si è rotto, l’incantesimo si è spezzato e la carrozza si è trasformata nella proverbiale zucca. Gli infortuni e, molto più probabilmente, la voglia di preservare forza ed energie per il primo Mondiale con la sua Argentina, ne hanno condizionato il rendimento, accompagnando il passaggio progressivo da idolo della tifoseria a bersaglio di critiche e contestazioni. Un percorso, al termine del quale Campagnaro è scivolato in fondo alle gerarchie mazzarriane, superato persino da Rolando, arrivato a Milano in silenzio e tra l’indifferenza generale. Il mercato dell’Inter, intanto, è in fermento sia per quanto concerne le operazioni in entrata, che per quelle in uscita. Tra le prime, in difesa, si lavora senza sosta per il ritorno di Rolando o, in alternativa, per l’approdo in nerazzurro di Eder Alvarez Balanta. Tra le seconde, invece, nella lista dei partenti, compare proprio il nome di Hugo Campagnaro. Il roccioso difensore originario di Còrdoba era stato, dapprima, accostato alla Roma di Rudi Garcia, alla ricerca di una valida alternativa nel caso in cui Benatia decida di non allungare la sua permanenza tra le fila della squadra capitolina. Il recente acquisto di Astori, però, sembrerebbe escludere definitivamente l’arrivo dell’ex Sampdoria. Proprio la società del neo patron Ferrero si era mostrata interessata all’argentino, che ha già indossato, con ottimi risultati, la maglia blucerchiata dal 2007 al 2009. L’affondo decisivo, invece, potrebbe provenire dalla Liguria rossoblù e dal Presidente Preziosi, sempre in buoni rapporti con la società di Corso Vittorio Emanuele. L’accordo tra i club non dovrebbe rappresentare, dunque, uno scoglio insormontabile, mentre più difficile potrebbe risultare il raggiungimento di un’intesa con Campagnaro. L’ingaggio del Toro, infatti, non sembra essere alla portata del Genoa, che conta, su questo versante, in un aiuto dell’Inter per la felice conclusione della trattativa.  

    continue reading »

     
     
  • Kovacic: “Grazie senatori, ma ora dobbiamo aprire un nuovo ciclo! Juve e Roma sono forti, ma noi…”

    Kovacic: “Grazie senatori, ma ora dobbiamo aprire un nuovo ciclo! Juve e Roma sono forti, ma noi…”

    Alla vigilia dell’amichevole contro il Real Madrid, che sancirà l’esordio dell’Inter nella Guinness International Champions Cup, Mateo Kovacic ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24: “Sarà un match difficile, ma molto bello da giocare – ha dichiarato il giovane talento croato -. Queste sono le partite che tutti i calciatori vorrebbero disputare. Mazzarri ci sta preparando al meglio, possiamo fare bene. Anche perchè una squadra come la nostra può vincere contro chiunque. Scudetto? Sarà un campionato difficile. Juventus e Roma sono molto forti, ma anche noi abbiamo una buona squadra e siamo guidati da un buon tecnico. Se poi la società dovesse acquistare nuovi giocatori, sarebbe una grande cosa per tutti. Il mio primo gol? Dovrà arrivare quest’anno, cercherò di tirare di più in porta perchè spesso penso di più all’assist che alla conclusione. L’addio dei senatori? Noi giovani dovremo sempre ringraziarli, ma adesso dobbiamo aprire un nuovo ciclo”.   

    continue reading »

     
     
  • Dopo otto anni la famiglia Moratti torna in <i>Lega</i>: Angelomario diventa consigliere

    Dopo otto anni la famiglia Moratti torna in Lega: Angelomario diventa consigliere

    Nel segno di Moratti. Dopo il 2006, quando il presidente Massimo Moratti era stato scelto con 14 voti, oggi tocca ad Angelomario diventare consigliere di Lega. Insieme al vicepresidente dell’Inter ci saranno anche Mario Cognigni, Andrea Agnelli, Luca Campedelli e Maurizio Zamparini. Questo è ciò che è emerso al termine della seduta di giovedì 24 dell’assemblea di Lega Serie A.     Fonte: inter.it

    continue reading »

     
     
  • CALCIOMERCATO/ L’Inter resta vigile su Balanta ma, al momento, le priorità sono altre

    CALCIOMERCATO/ L’Inter resta vigile su Balanta ma, al momento, le priorità sono altre

    Gli è bastata una sola apparizione al Mondiale (nella vittoriosa partita della sua Colombia contro il Giappone, ndr) per attirare su di sé le attenzioni di importanti club europei, soprattutto italiani. Eder Alvarez Balanta, difensore centrale del River Plate, è da molti considerato un giovane di grande prospettiva, il cui nome è finito prima sul taccuino dei dirigenti di Juventus e Roma e, più recentemente, anche su quello del dt dell’Inter Piero Ausilio. L’interesse della società di corso Vittorio Emanuele – stando alle ultime notizie provenienti dall’Argentina – sembra essersi tramutato in un vero e proprio blitz a sorpresa con il 21enne di Bogotà che sarebbe a un passo dai nerazzurri. Indiscrezioni da prendere con le molle, soprattutto perché l’Inter, in questo momento, ha altre priorità e la valutazione che i Millonarios fanno del giocatore (intorno agli 8 milioni di euro) è lontana da quella presentata dall’Inter (pari più o meno alla metà, bonus compresi). Il centrale colombiano è sicuramente tra gli osservati speciali della dirigenza nerazzurra, sempre alla ricerca di giovani talenti in linea con il progetto intrapreso dal nuovo corso, ma il suo acquisto non è da considerarsi come un’operazione imminente. Nella rosa di Mazzarri, infatti, la batteria dei difensori si è ampliata con l’arrivo di Nemanja Vidic (il sostituto di Walter Samuel), il rientro dal prestito di Matias Silvestre (di nuovo con le valigie in mano) e la conferma di Andrea Ranocchia (pronto al rinnovo). Il solo ad aver lasciato Milano è Rolando, ma le speranze di riportarlo nuovamente ad Appiano non sono ancora del tutto naufragate. La trattativa legata a Balanta, dunque, è strettamente connessa a quella per il centrale portoghese e al destino incerto di Hugo Campagnaro, pronto a raccogliere una nuova sfida nel caso in cui arrivasse l’offerta giusta che gli permetterebbe di ritornare protagonista dopo le numerose panchine della passata stagione. L’Inter potrebbe, quindi, affondare il colpo decisivo per arrivare al giovane difensore sudamericano solo quando la situazione del reparto difensivo risulterà più chiara e, soprattutto, dopo aver completato il prioritario restyling di centrocampo e attacco. Dei due posti da extracomunitario che l’Inter ha ancora liberi, uno dovrebbe essere occupato da Gary Medel (ormai ad un passo), l’altro, invece, resterebbe disponibile proprio per Balanta, a meno che la concorrenza non decida di accelerare i tempi e di battere la dirigenza nerazzurra impegnata, in questo momento, su altri fronti.

    continue reading »

     
     
  • Nemici mai! Cambiasso non <i>tradisce</i> l’Inter e torna in Spagna: il <i>Cuchu</i> a un passo dal Valencia

    Nemici mai! Cambiasso non tradisce l’Inter e torna in Spagna: il Cuchu a un passo dal Valencia

    Anche l’ultimo eroe del Triplete, l’unico ancora senza squadra, è pronto per una nuova avventura. Dopo il ritorno di Diego Milito al Racing e l’approdo di Walter Samuel al Basilea, è il turno di Esteban Cambiasso: ricercato da mezza Europa – e non solo – il Cuchu è pronto a tornare in Spagna. Sull’ex bandiera nerazzurra, che compirà trentaquattro anni il prossimo 18 agosto, è piombato prepotentemente il Valencia (finalista dell’ultima edizione dell’Europa League), che sembrerebbe aver battuto la forte concorrenza di West Ham e Tottenham. Come il centrale argentino, da ieri ufficialmente in Svizzera, anche Cambiasso ha rifiutato l’Italia per non incontrare l’Inter da avversario. Nelle scorse settimane si parlava di un possibile interesse della Sampdoria, ma i tifosi blucerchiati, dopo aver assaporato l’idea di accogliere due big del panorama mondiale, son stati costretti a inghiottire un boccone amaro, vedendo sfumare entrambi gli obiettivi. Per il Cuchu, reduce da dieci anni di Inter, dunque, è pronta una nuova avventura in terra iberica, dopo aver già indossato, in passato, la maglia del Real Madrid. E, coincidenza, per l’argentino si tratta di un altro trasferimento a parametro zero, come quando nell’ormai lontana estate del 2004 approdò alla corte dell’allora tecnico Roberto Mancini, formando una mediana di altissimo livello con il connazionale Veron. All’ex vice-capitano dell’Inter è stato proposto un anno di contratto con opzione per la stagione successiva: Cambiasso è a un passo dal Valencia.       (Twitter: @MagriDen)

    continue reading »

     
     
  • Ranocchia parla già da leader: “Non abbiamo paura di nessuno, siamo l’Inter e dobbiamo…”

    Ranocchia parla già da leader: “Non abbiamo paura di nessuno, siamo l’Inter e dobbiamo…”

    Attualmente a Washington con l’Inter per prepararsi alla prima sfida della Guinness International Champions Cup, Andrea Ranocchia ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport. Ecco le parole del neo capitano nerazzurro: “Abbiamo lavorato bene a Pinzolo, adesso i tempi si sono accorciati e cerchiamo di mettere più brillantezza nelle gambe. Dobbiamo fare bene contro squadre importanti per testare la nostra condizione. I nuovi si sono integrati benissimo, adesso giocare ci servirà per provare meccanismi nuovi. Abbiamo creato un bel gruppo e non abbiamo paura di nessuno, perchè siamo l’Inter e dobbiamo ragionare da grande squadra. Vogliamo tornare in alto e per questo dobbiamo lavorare duramente. Scudetto possibile? L’Inter deve sempre puntare al massimo, il campionato è impegnativo ma noi proveremo a giocarcela alla pari, come tutti gli anni”.

    continue reading »

     
     
  • Ausilio conferma: “Medel ci piace molto. La trattativa è a buon punto, ma non è ancora chiusa”

    Ausilio conferma: “Medel ci piace molto. La trattativa è a buon punto, ma non è ancora chiusa”

    Gary Medel è sempre più vicino all’Inter. La conferma arriva dal direttore dell’area tecnica nerazzurra Piero Ausilio: “Stiamo trattando per avere il giocatore – ha dichiarato ai microfoni del quotidiano cileno El Grafico -. La negoziazione ha raggiunto uno stato molto avanzato. Medel ci piace molto, ma l’affare non è ancora stato definito”.  Dopo Vidic, Dodò e M’Vila, dovrebbe essere quindi il centrocampista del Cardiff il quarto rinforzo che Thohir regalerà a Mazzarri.  

    continue reading »

     
     
  • UFFICIALE/ L’Inter dà il benvenuto a Claire Lewis, nuovo <i>Marketing Director</i> del club

    UFFICIALE/ L’Inter dà il benvenuto a Claire Lewis, nuovo Marketing Director del club

    F.C. Internazionale è lieta di comunicare la nomina di Claire Lewis come Marketing Director nerazzurro. Lewis arriva all’Inter da Apple dopo aver già ha lavorato per MTV Networks Europe ed EMI Music. Negli ultimi sette anni si è occupata della divisione iTunes, cuore dei media, dell’intrattenimento e dei contenuti di Apple, come esperta dello sviluppo e dell’integrazione del brand. Ha acquisito una notevole esperienza sia lavorando con le più grandi aziende di media, sia dedicandosi allo sviluppo di nuovi mercati. Lewis porta all’Inter le sue capacità di pianificazione e implemento di campagne marketing ad alto impatto, così come spiccate capacità di realizzazione di progetti internazionali, oltre che di digital e social marketing. Assunta da Apple nel 2007, precedentemente al lancio di iPhone e App Store, ha guidato l’espansione internazionale del brand per iTunes Festival, uno dei più grandi e riconosciuti eventi musicali del mondo, coinvolgendo le più famose star del panorama e creando un’innovativa strategia di distribuzione dei contenuti. Lewis avrà il compito di far crescere il già cospicuo numero di tifosi nerazzurri nel mondo, toccare le corde della loro passione, rendendo F.C. Internazionale un brand ancor più presente ed amato a livello internazionale. “Siamo davvero orgogliosi di poter avere Claire Lewis con noi”, ha dichiarato il Chief Executive Officer Michael Bolingbroke. “Il suo contributo risulterà essere decisivo per un settore di vitale importanza per il nostro core-business e per sviluppare sempre più il marchio Inter a livello globale. Sono sicuro che Claire, con il suo passaggio all’Inter, riuscirà a trasportare l’esperienza di un’azienda mondiale e d’élite come Apple anche all’élite del calcio”. “Sono entusiasta di entrare a far parte dell’Inter in questo momento, con le opportunità e le sfide che si prospettano – ha dichiarato Lewis -. È un onore far parte di un club così prestigioso e dalla grande storia. Porterò la mia esperienza e la mia dedizione. Non vedo davvero l’ora di lavorare con i miei nuovi colleghi”. Lewis è un’appassionata di sport e nel 2008 l’English Football Association l’ha nominata ambasciatrice del calcio femminile. È anche nel CdA di Women’s Sport and Fitness Foundation. Durante le Olimpiadi di Londra del 2012 ha lavorato con la delegazione italiana. È stata una collaboratrice dei programmi sportivi di BBC London per 10 anni. Parla inglese, francese ed italiano.         Fonte: inter.it

    continue reading »