web counter
  • IL PEGGIORE – Brozovic, la maglia da titolare è forse arrivata troppo presto

    IL PEGGIORE – Brozovic, la maglia da titolare è forse arrivata troppo presto

    La prestazione di Marcelo Brozovic non è sufficiente, nelle prime partite in nerazzurro correva per tutto il campo e ringhiava sulla palla per tutti i 90′. Successivamente partita dopo partita le prestazioni del croato si sono fatte meno convincenti. Forse la maglia da titolare gli è stata concessa troppo presto e con troppa facilità. Prende un giallo al 37′ per un fallo su Juanito Gomez, era diffidato e salterà il derby, chissà che un po’ di panchina possa fargli ritrovare la grinta con cui si era presentato.

    continue reading »

     
     
  • IL MIGLIORE – Palacio, è in tutto il campo

    IL MIGLIORE – Palacio, è in tutto il campo

    La prestazione sicuramente migliore di Rodrigo Palacio dall’inizio della stagione. Corre per 3 e fa sempre la cosa giusta. La sue prestazione sarebbe pienamente sufficiente anche senza il gol e l’assist che lo hanno visto protagonista. All’11’ serve il pallone del vantaggio interista a Icardi che deve solo spingerlo in porta e a due minuti dall’inizio del secondo tempo il compagno di reparto gli restituisce il favore. I tifosi interisti a questo punto si chiedono: ma se avesse avuto questa condizione dall’inizio della stagione avrebbe fatto la differenza?

    continue reading »

     
     
  • Le pagelle di Hellas Verona-Inter, Palacio è ovunque, Brozovic deve fare di più

    Le pagelle di Hellas Verona-Inter, Palacio è ovunque, Brozovic deve fare di più

    Ecco le pagelle di Hellas Verona-Inter 0-3:  Handanovic 7,5: Torna protagonista in positivo con interventi decisivi e soprattutto al 77′ con l’ennesimo rigore parato (il secondo a Luca Toni quest’anno). Negli ultimi due mesi solo una volta la porta era rimasta inviolata ma è evidente che le colpe non sono sue. D’Ambrosio 6: Propositivo in avanti e piuttosto sicuro anche in difesa. Ranocchia 6,5: Vince spesso il duello con Toni, la difesa è ancora spesso sotto assedio ma regge con una prestazione comunque di sostanza. Vidic 6: Prende un giallo al 76′ sul rigore inesistente per il Verona, per il resto una prestazione sufficiente. Juan Jesus 5,5: Ancora troppo spesso insicuro, si fa trovare impreparato in molte occasioni e perde quasi sempre il duello con Jankovic. Se continua così potrebbe essere uno dei sacrificati nel mercato estivo. Guarin 6: Una partita ordinata per il colombiano che non cerca di strafare e rimane sempre lucido. Peccato per il giallo per quel fallo di mano involontario al 39′ che gli costerà il derby di settimana prossima. Medel 6,5: Come al solito recupera una quantità infinita di palloni, è l’unico del centrocampo che non prende il giallo nonostante sia quello che va più spesso in tackle. Brozovic 5,5: Nel primo tempo prende un giallo stupido che gli farà saltare il derby, troppo poco per la maglia titolare, deve fare di più. Non si vede più il Brozovic delle prime partite in nerazzurro. Hernanes 6,5: Un ottimo primo tempo, tra progressioni e ottimi passaggi. Nel secondo tempo si spegne un po’. Palacio 7,5: Corre dal primo all’ultimo minuto, è in tutto il campo. Una prestazione favolosa condita da gol e assist. Se solo avesse avuto questa condizione dall’inizio del campionato. Icardi 7: Ormai ha raggiunto la maturità calcistica, anche per lui gol e assist. Ora è ad una sola lunghezza da Carlos Tevez a 17. Kovacic sv: Entra al posto di Palacio ma gioca troppo poco per dargli una valutazione. Vorremmo vederlo dall’inizio e molto probabilmente nel derby ne avremo occasione. Gnoukouri sv: Anche per il giovanissimo primavera non si può esprimere una valutazione. Felipe sv: Entra negli ultimi minuti al posto di Hernanes che non ne aveva più. Mancini 7: L’inserimento di Hernanes è stata la sua mossa decisiva, forse ora ha qualche certezza in più.  

    continue reading »

     
     
  • IL PEGGIORE – Juan Jesus continua a essere un pesce fuor d’acqua

    IL PEGGIORE – Juan Jesus continua a essere un pesce fuor d’acqua

    L’Inter affonda sempre di più in campionato non riuscendo nemmeno con il Parma praticamente già retrocesso  a conquistare i tre punti. Sicuramente uno dei giocatori che nell’ultimo periodo è più fuori da ogni tipo di schema è Juan Jesus anche se trovare il peggiore in una squadra così sterile è davvero difficile. La stagione del brasiliano si sta rivelando un vero incubo e anche la scelta di Mancini di dirottarlo sulla fascia non ha pagato. L’ex Internacional non si è mai reso pericoloso e soprattutto continua a peccare di attenzione in campo sia in fase di impostazione che in fase difensiva come quando nel secondo tempo da un suo mancato intervento il Parma ha addirittura avuto l’occasione di portarsi in vantaggio. Uno dei maggiori indiziati della stagione fallimentare dei nerazzurri è anche lui che ormai con una serie di prestazioni pessime ha dimostrato in maniera forse indiscutibile di non essere una pedina su cui puntare per il futuro.

    continue reading »

     
     
  • IL MIGLIORE – Guarin, l’unico a provarci fino alla fine

    IL MIGLIORE – Guarin, l’unico a provarci fino alla fine

    In un’Inter troppo brutta per essere vera, fra i pochi a salvare almeno alla faccia c’è Fredy Guarin che ha aperto le marcature e almeno fino all’ultimo ha tentato di rendersi pericoloso dalle parti di Mirante. Nel primo tempo è suo il gol del vantaggio grazie alla deviazione di Mauri anche se il colombiano è discontinuo anche quest’oggi come spesso accaduto nell’ultimo periodo molto negativo della squadra. Il sesto gol in campionato per l’ex Porto non è bastato anche oggi per permettere alla squadra di conquistare i tre punti che ormai mancano da più di un mese. Se l’Inter vorrà tentare di salvare la faccia nelle ultime partite di campionato il punto di riferimento dovrà essere ancora lui perchè Guarin ha dimostrato di essere forse l’unico in squadra in grado di non arrendersi fino al triplice fischio dell’arbitro.

    continue reading »

     
     
  • Le pagelle di Inter-Parma, Shaq e Kova malissimo, ma mai quanto Jesus

    Le pagelle di Inter-Parma, Shaq e Kova malissimo, ma mai quanto Jesus

    Ecco le nostre valutazioni sul brutto pareggio casalingo contro il Parma.  Handanovic s.v: fa tenerezza da ormai tre anni. Ormai conta solo il tempo che lo divide dal mercato estivo. Santon 5,5: in crisi fisica. Si vede poco e male in attacco. Ranocchia 5: nervoso e in difficoltà con Belfodil. Nel finale tenta invano di fare il centravanti. Felipe 5,5: uno dei migliori per un’oretta, prima che lentamente il fisico lo abbandoni e lo metta in difficoltà con chiunque. Juan Jesus 4: imbarazzante. Privo di intelligenza calcistica. I suoi cross sono incubi. Guarin 6,5: almeno fa goal e ci prova fino alla fine. Medel 6: il cileno fa sempre il suo, impossibile criticarlo. Brozovic 6: anche lui risulta uno dei migliori. Prova almeno ad orchestrare qualcosa, cercando qualche pallone verticale. Shaqiri 4,5: non indovina un pallone, una giocata. Se anche lui gioca così non c’è più speranza. Puscas 5,5: non stava demeritando, esce dal campo troppo presto. Palacio 6: un altro di quelli che ci prova, seppur poco assistito Kovacic 4: agghiacciante. Non si sa che posizione occupi in campo, si vede poco e quel poco che fa è orripilante. Podolski 5,5: entra giusto in tempo per farsi murare il solito tiro e farci accorgere il meno possibile della sua presenza. Hernanes s.v: troppo poco tempo per giudicarlo. Guardando la Lazio si starà logorando il fegato per la sua scelta di cambiar maglia. Allenatore, Roberto Mancini 4,5: ogni squadra è il riflesso del proprio allenatore, nel bene e nel male.

    continue reading »

     
     
  • IL PEGGIORE – D’Ambrosio, troppo lento e impacciato

    IL PEGGIORE – D’Ambrosio, troppo lento e impacciato

    Il peggiore dei nerazzurri è stato Danilo D’Ambrosio con una prestazione opaca. Una brutta gara del terzino ex Toro incapace di spingere con continuità e di difendere adeguatamente. Gli uomini blucerchiati lo sovrastano in ogni contrasto di gioco e lui non riesce mai a prevalere. Serve più impegno per cercare di salvare il salvabile nel resto della stagione. Svogliato.

    continue reading »

     
     
  • IL MIGLIORE – Icardi, una traversa e tanti buoni movimenti

    IL MIGLIORE – Icardi, una traversa e tanti buoni movimenti

    Mauro Icardi è stato il migliore dei nerazzurri questa sera. Già nel primo tempo tanti buoni movimenti e sponde preziose per i compagni. Poi nella seconda frazione subito una traversa con uno splendido tiro a giro dal limite dell’area che avrebbe meritato sorte migliore. Una buona prestazione del centravanti nerazzurro con tanto movimento e pressing alto come piace a Mancini. Una delle poche note positive nell’ennesima serata nera della truppa interista.

    continue reading »

     
     
  • Le pagelle di una sfortunata Inter, delude ancora Poldi, Icardi no

    Le pagelle di una sfortunata Inter, delude ancora Poldi, Icardi no

    Ecco le pagelle di un’Inter decisamente sfortunata, penalizzata da una delle pochissime palle goal concesse: Handanovic 6: Eder trova il jolly della domenica. Incolpevole. D’Ambrosio 5,5: tiene in difesa, ma si attende ancora un suo cross decente o una sua azione degna di nota. Ranocchia 6,5: partita impeccabile. Sbaglia molto poco e quando Muriel prova ad attaccarlo in velocità riesce a fermarlo sia con le buone che con le cattive. Vidic 6,5: anche il serbo neutralizza tutti gli attacchi che passano dalle sue parti. Quando commette una disattenzione, riesce sempre a rimediare. Juan Jesus 6: in avanti si vede poco, ma in questa posizione limita i recenti svarioni. Si può riproporre, magari con Santon dal’altra parte. Medel 6,5: sempre uno dei migliori. Lotta e recupera palloni, non disdegnando mai di rigiocarli in maniera pulita. Brozovic 6,5: gioca sempre il pallone nella maniera migliore, anche se a volte dovrebbe avere un po’ più di convinzione. Guarin 6: prestazione globalmente sufficiente, ma non si vedono i guizzi che lo caratterizzavano sino a poche settimane fa. Shaqiri 6: svaria molto, si muove bene e mette in apprensione la difesa avversaria. Come Guarin però, non riesce a essere incisivo come dovrebbe. Icardi 6,5: gran partita. Tormentato ancora dai fischi, dimostra un continuo miglioramento dal punto di vista tattico. Solo la traversa gli impedisce di segnare un goal capolavoro. Podolski 5,5: non ci siamo ancora. Non che manchi la volontà, ma non gli riescono le giocate per le quali è stato acquistato. Palacio 6: porta un po’ di vivacità, ma ora che sta meglio lo si dovrebbe sempre proporre come titolare. Camara , SV: forse non tocca nemmeno un pallone, ma ha poco tempo a disposizione. Mancini 6: mette in campo una squadra ordinata, che soffre poco e domina per larga parte del match. Peccato non basti. L’unico appunto è forse la tardiva sostituzione di Podolski  

    continue reading »

     
     
  • Inter – Wolfsburg, ecco le pagelle della sfida: squadra allo sbando, si salva solo Palacio

    Inter – Wolfsburg, ecco le pagelle della sfida: squadra allo sbando, si salva solo Palacio

    Carrizo 5,5 – Si riscatta abbastanza bene dopo l’infortunio dell’andata, buone parate, incolpevole sul gol Campagnaro 4,5 – Sbaglia tutto il possibile, come terzino proprio non va bene. In fase offensiva mai pericoloso, fraseggia con superficialità e lascia voragini incredibili sulla fascia. Da una di queste nasce il gol che compromette tutto Dal ’67 D’Ambrosio 6 – Entra e fornisce nuova verve sull’esterno, con il suo ingresso l’Inter diventa più incisiva Ranocchia 5 – Inspiegabile come per coprire le voragini lasciate da Campagnaro, esca sull’esterno lasciando scoperto il centro della difesa nerazzurra. Non male come le altre volte, ma non ci siamo. Il gol è anche colpa sua Juan Jesus 4,5 – Va bene solo quando lancia lungo, non riesce proprio ad impostare palla al piede. Spesso disattento, si complica la vita inutilmente. Ogni volta che fraseggia in difesa lo stadio mugugna, non è proprio affar suo. Santon 5,5 -Come al solito nelle retrovie è l’unico che si salva, buone diagonali ed ottimi spunti in fase offensiva. Supporta sempre gli attacchi nerazzurri sulla sinistra Medel 5,5 – Solita legna in mezzo al campo, corre per due e imposta per quello che riesce. Costretto agli straordinari quando lì davanti perdono palle incredibili o quando i difensori non scalano a dovere. Imprescindibile Guarin 5 – In quella posizione non rende al meglio. Dopo un mese strepitoso ha un periodo di appannamento e si nota, perde spesso palla e si intestardisce in inutili dribbling. Sbaglia incredibilmente un gol da pochi centimetri alla fine della prima frazione Hernanes 5,5 – Peccato per l’occasione dopo pochi minuti. Gioca fuori posizione, ma riesce ad interpretare bene il ruolo. Crea scompiglio fra le maglie tedesche, ma non riesce a trovare il gol o il passaggio decisivo. Kovacic 5 -Schierato largo sulla sinistra, impiega quasi un tempo per entrare in gara. Un paio di tiri da fuori area fuori di poco, ma null’altro di notevole. Dal ’54 Kuzmanovic 5,5 – entra in gara abbastanza bene, ordina il centrocampo nerazzurro Palacio 6,5 – Il Trenza è in forma e si vede. Taglia con movimenti fra le linee del Wolfsburg, e cerca sempre di rifinire Icardi. Purtroppo non è mai coadiuvato da Campagnaro che non sale con i tempi giusti. Tanta corsa e sacrificio. Trova il gol meritatissimo Icardi 5,5 – Un miracolo di Benaglio gli nega la gioia del gol nel primo tempo, e sulla ripartenza i tedeschi segnano. La sorte non perdona. Maurito cerca più volte di riaprire la gara ma inutilmente. Grande impegno e sportellate con i centrali tedeschi.

    continue reading »