• Campagna abbonamenti 2014-2015. Ecco tutte le informazioni necessarie

    Campagna abbonamenti 2014-2015. Ecco tutte le informazioni necessarie

    Terminata la bella tournée dell’Inter negli Stati Uniti, i nerazzurri godranno di due giorni di riposo concessi come da programma dall’allenatore Walter Mazzarri per poi continuare da giovedì la preparazione estiva in vista dell’inizio della nuova stagione. La campagna abbonamenti “Insieme”, invece, non si ferma mai. Queste le modalità di sottoscrizione dell’abbonamento: – presso l’ingresso 13 dello stadio “Giuseppe Meazza” in San Siro – al “Solo Inter” Store in via Berchet 1 a Milano – alla filiale Deutsche Bank di Viale Corsica 45 – nei punti vendita VivaTicket – online su www.inter.it/abbonamenti Si ricorda che allo stadio o online è possibile sottoscrivere la tessera “Siamo Noi”. Ti aspettiamo a San Siro per vivere la nuova stagione, Insieme! Forza Inter!                           Fonte: inter.it

    continue reading »

     
     
  • Per l’Inter due giorni di riposo, poi si vola a Francoforte per la sfida contro l’Eintracht

    Per l’Inter due giorni di riposo, poi si vola a Francoforte per la sfida contro l’Eintracht

    Quasi due settimane vissute negli Stati Uniti. Un mix di entusiasmo, duro lavoro e calcio di livello. Tutto questo, e molto altro, è stata la tournée americana edizione 2014 dell’Inter. L’interesse suscitato in un paese che comincia a guardare al “soccer” come ad uno spettacolo pari ai grandi sport nazionali, una passione che grazie ad un grande nerazzurro come Jurgen Klinsmann sta coinvolgendo sempre più persone. L’Inter si è ben inserita in questo contesto grazie alle tre gare che la squadra di Mazzarri ha ben disputato. Sul campo di Berkeley con il Real, a Washinghton con il Manchester United e a Philadelphia nel derby tutto italiano con la Roma. I risultati sono stati positivi, ma la cosa che più conta è la condizione in crescita dei ragazzi. Adesso arrivano due giorni di riposo e poi si tornerà a lavorare per preparare la trasferta di Francoforte con l’Eintracht dove, i dati del botteghino dicono, c’è una grandissima attesa.                       Fonte: inter.it

    continue reading »

     
     
  • Jonathan: “Osvaldo è un grande acquisto. Per noi l’obiettivo è sempre quello di…”

    Jonathan: “Osvaldo è un grande acquisto. Per noi l’obiettivo è sempre quello di…”

    Il benvenuto ad Osvaldo è stato dato dal brasiliano Jonathan, suo nuovo compagno di squadra. “E’ un grandissimo calciatore, un grande acquisto dell’Inter. Speriamo di conoscerlo meglio durante gli allenamenti – ha commentato l’esterno brasiliano -. L’obiettivo per noi è migliorare più possibile, ma è presto per parlare di obiettivi, dobbiamo portare l’Inter più in alto possibile“.                           Fonte: Gazzetta.it

    continue reading »

     
     
  • Osvaldo: “Sono felice. Ho sentito Mazzarri, era contento. Quando ha chiamato l’Inter…”

    Osvaldo: “Sono felice. Ho sentito Mazzarri, era contento. Quando ha chiamato l’Inter…”

    Dopo intensi giorni di trattative, cominciate anche sottotraccia, Daniel Pablo Osvaldo nel pomeriggio di lunedì è sbarcato a Milano con un volo da Buenos Aires con scalo a Francoforte. L’attaccante, prima di diventare ufficialmente un giocatore dell’Inter, dovrà sostenere le visite mediche di rito previste per martedì. Incalzato dai cronisti presenti, ecco le prime parole da interista di Osvaldo: “Sono molto felice, quando ha chiamato l’inter non ho avuto alcun dubbio ad accettare la proposta. Non dico ancora nulla perché prima dovrò sostenere le visite mediche”. Con i cronisti di Gazzetta.it Osvaldo ha scambiato le sue prime parole da giocatore dell’Inter: “Sì, ho parlato con Mazzarri al telefono”, ha risposto il centravanti a domanda diretta. “Prima di parlare dell’Inter preferisco fare le visite mediche perché sono scaramantico”. Ma qualche minuto dopo, Osvaldo si è sciolto: “Champions o scudetto? Speriamo tutto quello che si può. La Nazionale di sicuro è un obiettivo. Mazzarri? Era contento. Con Icardi speriamo di fare bene”. L’ex attaccante di Roma e Juventus, che sosterrà probabilmente il suo primo allenamento ad Appiano Gentile nella giornata di giovedì insieme al resto della squadra, è stato strappato al Southampton in prestito gratuito con riscatto fissato a 7 milioni di euro.

    continue reading »

     
     
  • Vidic un esempio, Ranocchia sente la fascia. Ora Mazzarri può contare su un gruppo vero

    Vidic un esempio, Ranocchia sente la fascia. Ora Mazzarri può contare su un gruppo vero

    In un passo odierno de La Gazzetta dello Sport, il quotidiano sportivo sottolinea la solidità dello spogliatoio nerazzurro mostrato sia a Pinzolo che negli Stati Uniti. Sembrerà una frase fatta, ma ora c’è un vero gruppo. Non che gli anni scorsi ci fossero divisioni per clan o guerre intestine, ma la decisione di aver voltato pagina anche con i senatori argentini ha azzerato lo spogliatoio: ora tutti si sentono più responsabilizzati e coinvolti. L’unico vero senatore, Vidic, è arrivato con l’umiltà dei grandi e ha già contagiato tutti con la sua voglia di vincere, malgrado una bacheca già stracolma. Viaggiando con loro, si ha la sensazione che i giocatori stiano bene insieme. Oltre a qualche chilo di muscoli, Ranocchia sta mettendo su centimetri da capitano. Stimolando i compagni anche con cene di gruppo per rompere la routine del ritiro. Dopo la pizzata anche con staff medico e magazzinieri a Pinzolo voluta dal mister, le due serate libere di Washington (sabato l’ultima, in un locale trendy del centro) sono state condivise da tutta la rosa. E in campo i risultati si vedono. Tutti, anche chi ha giocato solo manciate di minuti, ci mettono cuore e gambe, si aiutano, si incoraggiano. Emblematico l’atteggiamento di Guarin: contro la Roma rincorreva tutti ed entrava in tackle manco fosse una finale di Champions.                           Fonte: La Gazzetta dello Sport

    continue reading »

     
     
  • Condizione fisica al top. Il lavoro studiato dal preparatore Pondrelli dà già i suoi frutti

    Condizione fisica al top. Il lavoro studiato dal preparatore Pondrelli dà già i suoi frutti

    La tournée americana ha mostrato un’Inter ben messa in campo dove anche i nuovi acquisti si sono messi in luce con ottime prestazioni. Ma la vera novità – spiega La Gazzetta dello Sport – sta nella condizione atletica. Con un anno in più di conoscenza del gruppo e di esperienza, il preparatore Giuseppe Pondrelli ha calibrato e diluito il lavoro estivo. Dodici mesi fa l’Inter ne prese 4 dal Valencia sotto agli occhi di un imbarazzato Massimo Moratti. WM fece mea culpa, avendo sottoposto la mattina stessa i giocatori a una seduta massacrante. Il menù ora è cambiato, e non in funzione del playoff di Europa League, che in fondo sposta le lancette indietro di appena 5 giorni (21 agosto: il campionato scorso iniziò il 26). Dopo un lavoro duro sul fondo nei primi giorni ad Appiano, a Pinzolo i carichi sono stati personalizzati ma in generale meno pesanti dello scorso anno. Risultato: zero infortuni seri, più brillantezza e reattività. La resistenza arriverà per fine mese. Anche negli Usa complici anche eventi vari e trasferte da 5 ore ciascuna non si è mai fatto doppio allenamento. Fatto sta che i nerazzurri arrivavano spesso per primi sul pallone.                       Fonte: La Gazzetta dello Sport

    continue reading »

     
     
  • Oggi è il giorno dello sbarco di Osvaldo a Milano. Gary Medel atteso entro mercoledì

    Oggi è il giorno dello sbarco di Osvaldo a Milano. Gary Medel atteso entro mercoledì

    Fino a questo momento l’Inter ha imbastito attento e mirato, senza rinunciare alla qualità nonostante le scarse risorse finanziarie. L’ultima fatica è stata la definizione economica dell’affare Medel. Il d.t. ha fatto il suo, per l’annuncio – spiega La Gazzetta dello Sport - manca solo che i due boss, Thohir e Tan, si accordino su modi e tempi di pagamento: il Pitbull è atteso a Milano entro mercoledì (ma forse già domani) per le visite. Non a caso Solskjaer, manager del Cardiff, ieri ha dichiarato a Sky Sports News: “Vogliamo il nostro prezzo oppure Medel rimane qui, ma ci attendiamo presto un annuncio”. Il prezzo (Ausilio era partito da altre basi, ma è aumentato dopo il Mondiale) è 8 milioni, più uno di bonus in caso di qualificazione dell’Inter alla Champions entro i quattro anni di contratto di Medel. Che di suo ha accennato di ridursi l’ingaggio, dagli 1.9 proposti inizialmente dall’Inter a 1.6 per il primo anno (da 1,7 a 1,9 a salire nei tre successivi). Nell’immediato è ipotizzabile che per Medel l’Inter garantisca al club gallese circa 3 milioni (altri 5+1 in base all’intesa Thohir-Tan di cui sopra). Le ulteriori uscite nel prossimo bilancio: dopo i 2 milioni per il riscatto definitivo di Taider, 600.000 euro e un milione di euro come prime rate per Dodò e M’Vila, mentre Osvaldo, che atterra a Milano oggi all’ora di pranzo e entro domani completerà le visite mediche, arriva in prestito gratuito. Il resto sarà da spendere nei prossimi due anni: di sicuro 7,5 milioni nel 2016 per Dodò; se l’Inter vorrà, 7 milioni fra un anno e 8 fra due per riscattare Osvaldo e M’Vila.                       Fonte: La Gazzetta dello Sport

    continue reading »

     
     
  • <i>GdS</i> / Ausilio e il mercato low cost. Ecco perché l’Inter è in rosso di soli 4 milioni

    GdS / Ausilio e il mercato low cost. Ecco perché l’Inter è in rosso di soli 4 milioni

    Come spiegato nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, l’Inter è stata rifatta con un esborso immediato di soli 4 milioni. C’è di più: ben prima di Ferragosto. Dopo i “codici” sulla riduzione del tetto ingaggi, Thohir aveva dettato ad Ausilio come Mazzarri fa con i giocatori quelli per il mercato: “Quest’anno ancora autofinanziamento”. Come dire: vendi, e lavora di fantasia. Il d.t., visto che vendere a luglio è tanto più difficile se gli altri sanno che devi farlo, si è auto-sfidato: provo a fare il contrario. Fantasia uguale idee, uguale sei nuovi giocatori (due a parametro zero: uno è Vidic per il quale con l’input di Thohir si era giocato d’anticipo): il totale fa circa 4 milioni spesi, al netto degli intrecci economici delle compartecipazioni (Livaja, Krhin, Biraghi: circa un milione nelle casse nerazzurre). Ora Ausilio penserà a vendere, ma intanto Mazzarri, a cui erano stati prospettati tempi più lunghi, può già lavorare con la squadra che sarà. Se arriveranno i ritocchi, tanto meglio. Intanto sono entrati quasi tre milioni da uscite minori, ma altri Ausilio spera di incassarne dalle cessioni. Anzitutto quella di Guarin, potenziale tesoretto da reinvestire su un giovane di prospettiva (Firmino costa 20 milioni ed è fuori budget: magari Rabiot?), anche se per 2-3 milioni più conguaglio tecnico può restare viva l’ipotesi Biabiany, con uscita di Botta. E poi Silvestre (parla con il Palermo), Kuzmanovic (Siviglia e Valencia: l’Amburgo si è defilato dopo aver preso Behrami), Schelotto (c’è il Parma: il Southampton ha subito scelto Taider fra il giocatori proposti obbligatoriamente dal d.t.) e soprattutto Campagnaro (ipotesi Genoa, Samp e anche Palermo): proprio in vista di una partenza dell’argentino è tenuta calda la pista del ritorno di Rolando.                         Fonte: La Gazzetta dello Sport

    continue reading »

     
     
  • CALCIOMERCATO/ Solskjær: “Medel partirà, ma al prezzo che chiediamo. Altrimenti…”

    CALCIOMERCATO/ Solskjær: “Medel partirà, ma al prezzo che chiediamo. Altrimenti…”

    Dopo diverse settimane di colloqui, sembra esser giunto il momento di concludere la trattativa che porterà Gary Medel a Milano. A confermare lo stato avanzato dell’operazione è il manager del Cardiff Ole Gunnar Solskjær che, ai microfoni di Sky Sport, ha spiegato: “Siamo stati chiari, lo cederemo, ma vogliamo che ci venga pagato il prezzo che chiediamo. Altrimenti rimaniamo con lui. Pensiamo che un annuncio possa essere fatto presto“. Le parole dell’ex centravanti del Manchester United sembrano presagire ad un lieto fine tinto di nerazzurro per il centrocampista cileno, anche se, giustamente, il club inglese cerca di tirare il più possibile acqua verso il proprio mulino. La distanza tra la richiesta di 9 milioni e l’offerta nerazzurra di 7,5 milioni di euro pare aver trovato un compromesso a metà strada. Il nodo di fatto quasi sciolto è legato ai tempi di pagamento della cifra con cui l’Inter si impegna a rilevare il cartellino del Pitbull. Il Cardiff spinge per monetizzare in fretta e vorrebbe che il saldo fosse chiuso entro la prossima estate. I nerazzurri invece vorrebbero dilazionare in tre rate, l’ultima delle quali verrebbe pagata nel 2016.

    continue reading »

     
     
  • Juan Jesus: “Vidic è uno che trasmette sicurezza. Sono certo che quest’anno…”

    Juan Jesus: “Vidic è uno che trasmette sicurezza. Sono certo che quest’anno…”

    Dopo la lesione prossimale completa del legamento collaterale mediale del ginocchio destro rimediata nello scorso aprile contro il Bologna, Juan Jesus in questo inizio di stagione ha dimostrato ampiamente di aver recuperto dall’infortunio sia nel ritiro di Pinzolo che nella tournée americana. Negli Stati Uniti, messo a dura prova da giocatori del calibro di Rooney e Iturbe, il centrale brasiliano ha mostrato una buona condizione fisica e tanto e agonismo. Al termine del match contro la Roma vinto per 2-0 in cui è stato tra i migliori in campo, Juan Jesus ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “La squadra sta facendo bene, siamo tutti molto contenti di come abbiamo cominciato, ora dobbiamo continuare così. Stiamo dimostrando di essere una squadra, una famiglia in cui tutti siamo amici, ed è quello che si vede in campo. Quando uno commette un errore viene subito spronato dai compagni, sono certo che faremo tante grandi cose. Mister Mazzarri ci dà un grande aiuto perché conosce bene il calcio italiano, la tattica e ci aiuta con la tecnica. È uno che martella perché vuole sempre che la sua squadra migliori”. Infine, un commento sul neo acquisto Vidic, il quale si è già integrato alla grande nel mondo nerazzurro: “Trasmette sicurezza perché ha vinto tutto ed ha tanta voglia di vincere ancora”.

    continue reading »