Jurgen Klinsman, quel pomeriggio a Piacenza con gli occhi lucidi