Zenit-Mancini, un matrimonio che può far felice l'Inter