EDITORIALE - Caro John, non è questione di perdere è una questione di stile (e di storia)