Arpad Weisz, dallo Scudetto con l'Inter alla deportazione nei campi di sterminio