EDITORIALE - Inter Sparta Praga, la vittoria dei rimpianti