Hapoel Inter, il senso del pudore